Tour Eiffel di Parigi: 7 cose da sapere per visitare il simbolo di Parigi

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Tra le cose da vedere a Parigi non puoi assolutamente dimenticarti di visitare la Tour Eiffel. Se stai pensando di fare un viaggio in Francia o stai già passeggiando tra i bellissimi viali di Parigi, sicuramente ti sarà già venuta voglia di salire in cima alla torre più famosa del mondo.

Si, perché questo monumento di fine ‘800 non solo è il simbolo della capitale francese e della Francia intera, ma è anche il monumento più famoso, più visitato e addirittura più riprodotto al mondo.

Ma come è possibile che un monumento che ha appena 130 anni sia così famoso?

Sicuramente i francesi sono stati molto bravi. Negli ultimi anni avrai sicuramente visto la Torre Eiffel in numerosi film ed eventi in tutto il mondo sopra. E da quando sono state installate le lucine è diventata ancora più bella, non è vero?

Vivendo a Parigi ho avuto la possibilità di visitarla decine di volte. Ogni persona che viene a trovarmi vuole assolutamente andarci e pensa che sulla sua cima abbiamo addirittura festeggiato il compleanno di Andrea.

Ma questa torre di ferro ha una storia tutta particolare e se avrai la pazienza e la curiosità di continuare a leggere, te ne parlerò nel terzo capitolo.

Nel bellissimo parco degli Champs de Mars ti assicuro che ti sentirai davvero piccolissimo nei confronti di questo capolavoro di ingegneria. La torre di Parigi infatti è stata per anni il monumento più alto del mondo ma ancora oggi non smette di stupirci.

Vuoi sapere perché?

Bene!

In questo post ti racconto tutti i numeri, gli aneddoti, la storia della Tour Eiffel e tutte le vicissitudini che ne hanno fatto il simbolo di Parigi e della Francia intera.

Pronto a saperne di più?

Si parte

Se stai cercando un hotel a Parigi, vuoi prenotare alcune attività o biglietti, scrivimi pure nei commenti il budget che hai a disposizione e le date a cui sei interessato. Ti aiuterò gratuitamente a trovare le soluzioni più adatte alle tue esigenze.

Biglietti ingresso prioritario Tour Eiffel

1 – Come salire sulla Tour Eiffel

Prima di raccontarti alcuni degli aneddoti più interessanti, sono sicura che vorrai sapere come salire sulla Tour Eiffel.

Forse non lo sai ancora ma hai a disposizione due possibilità: affrontare una “scalata” a piedi di circa 1600 gradini, oppure prendere una serie di ascensori che ti accompagneranno in tutta serenità fin sulla cima più alta.

Gli ascensori da prendere sono 3, uno per ciascun livello e il biglietto d’ingresso ha un prezzo differente a seconda del piano a cui desideri arrivare. Se invece sei abbastanza coraggioso da avventurarti a piedi, devi purtroppo sapere che non potrai raggiungere la sommità tramite le scale. Da alcuni anni infatti l’accesso all’ultimo piano della Torre Eiffel è possibile solo tramite l’ascensore, per ragioni di sicurezza.

Un vero peccato!

Per salire sulla Tour Eiffel devi considerare almeno 3 ore di tempo soprattutto a causa delle lunghe file che dovrai affrontare, sia alla biglietteria principale che all’ingresso degli ascensori. Lo so, sembra un’infinità di tempo ma per fortuna c’è un modo per essere più veloce.

Da alcuni anni infatti è possibile acquistare direttamente online il biglietto saltafila per la Torre Eiffel. Un grande vantaggio, vero?

Ma c’è di più!

Se vuoi fare una sorpresa romantica o hai la passione per i paesaggi notturni, devi sapere che è possibile salire sulla Torre Eiffel anche di notte.

Dal 14 Giugno al 31 Agosto l’accesso alla torre è possibile dalle 9 fino alle 00:45 ma ricordati che l’ultimo ingresso è possibile solo prima della mezzanotte. Il resto dell’anno invece gli orari sono dalle 9:30 alle 23:45 per l’ingresso in ascensore, mentre per le scale fino alle 18:30.

Ora che ti ho dato tutte le informazioni pratiche… ti va di sapere tutte le curiosità su questo importante monumento di Parigi?

informazioni utili sulla torre eiffel

2 – Numeri e curiosità sulla Tour Eiffel

Questa notizia di solito fa storcere il naso a noi italiani che andiamo molto fieri dei nostri magnifici monumenti, ma la Tour Eiffel è il monumento più visitato al mondo. Pensa che ogni anno questa altissima signora di ferro ospita ben cinque milioni mezzo di turisti.

Il merito è sicuramente del magnifico panorama su Parigi, che la rendono uno dei luoghi più romantici al mondo.

Ma non è tutto

La sua sorprendente struttura, tutta realizzata in metallo, ha fatto si che la Torre Eiffel sia addirittura annoverata tra le meraviglie del mondo moderno.

E le curiosità non sono certo finite qui!

Ti va di conoscere un po’ di numeri?

Ebbene, l’altezza della Tour Eiffel è in media 324 metri. Dico “in media” perché l’altezza della torre non è fissa durante l’anno ma varia a seconda della temperatura e delle condizioni atmosferiche. Il metallo di cui è composta si dilata e si restringe, tanto da causare una variazione di più o meno 15 cm!

Nell’anno in cui venne costruita, la torre è stata la struttura più alta al mondo e lo è rimasta sino alla costruzione del Chrysler Building di New York nel 1930. Pensa che proprio per la sua altezza, ancora oggi è utilizzata come base per alcune antenne radio e televisive.

Il peso della Tour Eiffel invece si aggira sulle 8000 tonnellate, non male se pensiamo che è costruita con più di 18.000 pezzi di ferro. Fu realizzata in soli due anni ed è soprendente non solo per la velocità con cui fu eretta, ma soprattutto perché, durante la sua edificazione, un solo operaio perse la vita. Un risultato davvero straordinario se pensiamo alle misure di sicurezza dell’epoca.

E le luci?

Se ti stai chiedendo quante sono le lucine lampeggianti sulla Torre Eiffel… beh sono più di 20.000 piccoli led che ogni notte la fanno brillare con un effetto davvero suggestivo. Queste luminarie furono installate per il passaggio al nuovo millennio, il 1 gennaio del 2000, e dovevano essere rimosse l’anno successivo. Per fortuna piacquero così tanto ai parigini che non furono più smontate.

Infine una cosa a cui quasi nessuno pensa mai!

Ma tutto quel metallo non arrugginisce?

Certo che si!

Infatti la Tour Eiffel è sottoposta ad una costante manutenzione e viene spesso interamente riverniciata. Nel corso degli anni non ha sempre avuto lo stesso colore e spesso le viene data una leggera sfumatura per farla sembrare ancora più alta.

Pensa che occorrono dalle 50 alle 60 tonnellate di vernice per ricoprirla tutta.

tour eiffel di parigi curiosità

3 – Costruzione e storia della Tour Eiffel

La tour Eiffel fu ideata per l’Esposizione Universale del 1889. 

Fin da subito fu oggetto di grandi critiche perché considerata antiestetica e perché non si armonizzava affatto con il panorama di Parigi dell’epoca. L’idea originale era di realizzare un’opera temporanea ed infatti la Torre Eiffel doveva essere smantellata alla fine dell’esposizione.

Ma allora perché non fu più abbattuta?

In un primo momento la salvezza della Tour Eiffel arrivò per merito dei recenti esperimenti nel campo delle telecomunicazioni. La torre infatti venne lasciata in piedi perché sulla sua sommità vennero installate delle antenne per permettevano le comunicazioni radio su grandi distanze.

E poi?

Durante la seconda guerra mondiale ne furono sabotati gli ascensori per impedire ai nazisti di giungere alla sommità e di impossessarsi degli apparecchi radio. I francesi fecero lo stesso anche durante la visita di Hitler, che fu costretto a rimanere ai piedi della torre.

A quel punto era già diventata un simbolo.

Tuttavia, al contrario di quasi tutti i monumenti, la Tour Eiffel non è sempre stata uguale nel corso del tempo. I francesi infatti l’hanno modificata in base alle esigenze del periodo storico e, forse, anche un po’ per moda.

Ora te lo racconto.

tour eiffel di parigi curiosità

4 – Come è cambiata la Torre Eiffel nel tempo

Nonostante sia stata aspramente criticata, questa torre di ferro resta un simbolo di modernità, ed è ancora incredibilmente attuale.

Negli anni è stata a più riprese modificata: gli originali arconi del primo livello sono stati smantellati negli anni ’30 perché non rispecchiavano più il gusto dell’epoca e il colore è stato più volte cambiato. Tuttavia questo monumento non ha mai perso il suo fascino e la sua capacità di attrarre le persone.

Oltre agli studi sulle onde radio, nel corso degli anni la Tour Eiffel si rese tristemente nota anche per alcuni suicidi. Il più discusso è stato sicuramente quello del sarto Franz Reichelt. Egli si gettò dalla sommità della torre per testare un primo prototipo di paracadute che aveva egli stesso realizzato. Purtroppo, per quanto innovativa, la sua invenzione non gli impedì di schiantarsi a terra pochi istanti dopo.

Il marketing che ruota attorno alla torre di Parigi è notevole anche grazie alla sua forma, estremamente facile da replicare e da stilizzare, che le conferisce un altro primato, quello di essere il monumento più riprodotto al mondo.

Personalmente ritengo sciocco fare dei paragoni tra la Tour Eiffel ed il Colosseo, come ho sentito più volte fare, sia perché si tratta di due opere completamente diverse, sia perché tra i due passano quasi 2000 anni ed è quindi impossibile compararli. Sono due capolavori dell’ingegneria edile, di epoche e contesti diversissimi.

La Tour Eiffel è un capolavoro dell’arte “moderna”, una signora di ferro che veglia su Parigi e che fa stare milioni di turisti con gli occhi all’insù da più di un secolo.

Dopotutto, ci si rende conto di essere a Parigi solo quando ci si trova ai suoi piedi.

5 – Come prenotare la Torre Eiffel e come arrivare

Innanzi tutto per arrivare alla Tour Eiffel puoi prendere la metro. Tutta Parigi è facilmente percorribile grazie ai mezzi di trasporto in comune e la metropolitana più vicina alla Tour Eiffel è la linea 6, stazione Bir-Hakeim. Altrimenti puoi prendere la linea 9 fino a Trocadero o la linea 8 fino ad Ecole Militaire.

Qual è la miglior soluzione?

Io ti consiglio di scendere a Trocadero per goderti la visuale sulla torre e poi scendere fino ai suoi piedi. Considera che ci vorranno almeno 15 minuti di camminata ma ne vale davvero la pena.

Purtroppo da alcuni mesi c’è una spiacevole novità!

A seguito degli attentati del 2015, non potrai più transitare sotto la Tour Eiffel liberamente ma dovrai prima passare dei controlli di sicurezza. Questo comporta che dovrai fare una piccola fila ai controlli, poi in biglietteria e poi all’accesso. Prendilo quindi in considerazione tra le cose da fare per salire sulla tour Eiffel.

Il prezzo del biglietto per salire sulla Tour Eiffel varia a seconda del livello che vuoi raggiungere. Il costo è 11 euro fino al secondo piano. Prezzo ridotto a 8.50 per i giovani dai 18 ai 24 anni e a 4 euro per i bambini dai 4 agli 11 anni.

Se vuoi proseguire per il livello successivo dovrai pagare 17 euro a tariffa piena (14.50 per i giovani e 8 euro per i bambini).

Se invece vuoi prendere le scale la tariffa scende a 7 euro (5 per i giovani e 3 per i bambini).

6 – Chi ha costruito la Tour Eiffel

Insomma, ormai avrai capito che la Tour Eiffel lascia incantati i visitatori di parigi da ormai 130 anni.

Ma chi c’é dietro quest’opera?

Chi ha costruito la Tour Eiffel?

L’ingegnere che la ideò e che fece costruire la torre fu Gustave Bönickhausen detto, indovina un po’…. Eifel.

Nonostante fosse di origine tedesca, la sua famiglia era in Francia già da diverse generazioni e un suo antenato aveva aggiunto la parola Eifel al suo cognome, in memoria della regione da cui provenivano. L’Eifel è infatti una bellissima regione nel North Rhein Wesftalia ed era molto più facilmente pronunciabile dai francesi rispetto al loro cognome originale.

Con il passare degli anni, e per nascondere le origini tedesche del suo nome, Gustave inizio ad utilizzare solo il cognome Eiffel, aggiungendo una F.

Ma chi era quest’uomo e perché costruì la Tour Eiffel?

Nato nel 1832, Gustave Eiffel iniziò a lavorare con le strutture metalliche già dal 1856. L’impiego del metallo in architettura era molto all’avanguardia in quel periodo e le nuove scoperte in campo metallurgico permisero di utilizzare l’acciaio e altri metalli perché molto flessibili e solidi.

A soli 26 anni realizzò il ponte ferroviario di Bordeaux, in cui poté iniziare una serie di sperimentazioni. Una volta fondata la sua società, Eiffel si dedicò alla progettazione di edifici, viadotti e strutture che lo rendono famoso in tutta europa.

7 – Gustave Eiffel: molto più che un ingegnere edile

Gustave Eiffel lavorò in Spagna, in Portogallo, in Ungheria, in Algeria e in molti altri posti. É conosciuto soprattutto per la Tour Eiffel ma c’é un’altra opera che contribuì a realizzare e che tu sicuramente conosci almeno di nome.

Fu lui infatti a progettare l’interno della statua della libertà di New York. Non tutti sanno che la statua della libertà è un’opera francese, inviata via nave per celebrare il centenario dell’indipendenza americana.

Fu inviata impacchettata e da montare, stile IKEA per capirci.

Tra gli altri celebri lavori, c’é anche la Stazione Budapest Nyugati, la cui facciata in vetro e metallo rappresenta un perfetto esempio dell’architettura di questo periodo storico.

La maggior parte delle sue costruzioni sono ponti ma c’é anche un ambiziossissimo progetto che lo portò ad essere accusato di corruzione. Si tratta dell’apertura del canale di Panama, per il quale Goustave Eiffel ideò un ingegnoso sistema di dighe al fine di far transitare le navi.

Purtroppo i fondi per la costruzione del canale portarono alla rovina molti investitori, imprenditori e uomini politici proprio a causa del così detto “scandalo Panama”.

Alla fine Gustave Eiffel fu assolto ma la sua fama ne risenti al punto che decise di lasciare gli affari e di dedicarsi allo studio dell’aerodinamica.

Commenti sulla Tour Eiffel

Tu cosa ne pensi di questa altissima torre?

Hai già avuto modo di salire sulle sue bellissime balconate o stai programmando una visita?

Fammi sapere le tuo opinioni o scrivi anche se hai bisogno di aiuto qui sotto nei commenti, ti risponderò al più presto.

Elisa

Elisa

Ciao, io sono Elisa! Sono una storica dell’arte e travel blogger. Ho uno spirito nomade e adoro viaggiare per scoprire posti nuovi, scrivere e vivere nuove esperienze! Dal 2012 ho creato arttrip.it per condividere le mie esperienze di viaggio con tutti voi.

Lascia un commento

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email