Visitare Troyes: un tuffo nel medioevo francese in 12 scatti

Eda, Storica dell’arte

Troyes è una piccola città a sud di Parigi. Un piccolo tesoro francese che conserva intatto il suo cuore medievale.

 

Visitare Troyes: un angolo di medioevo

Visitare Troyes vi farà immergere in un’atmosfera irreale e quasi fiabesca per via delle sue adorabili case e dei suoi piccoli e pittoreschi vicoli. Oggi è tra le città più importanti della regione dello Champagne ma la sua storia è millenaria poiché fu abitata sin dalla preistoria. Il toponimo deriva dall’antica popolazione celtica che l’abitava, i Galli Tricassi.

Fu conosciuta con il nome di Augustobona sotto i romani, e nel medioevo divenne un importante centro commerciale, religioso e culturale. Tra le altre cose fu la città natale Chretien de Troyes, uno dei più grandi autori del medioevo francese!

Questa città ospitò anche il concilio di Troyes, dove fu redatto il regolamento dello scomparso ordine dei templari, il cui fondatore Hugues de Payns era nato nell’omonimo villaggio a pochi chilometri di distanza.

 

Visitare Troyes: ecco quello che non ti puoi perdere!

Alcune delle più belle attrazioni di questa cittadina risalgono proprio al medioevo e all’epoca appena successiva, in cui la città divenne particolarmente ricca e famosa soprattutto grazie al commercio dei tessuti.

Tra i monumenti più importanti sono da non perdere:

Visitare Troyes: la cattedrale

Dedicata ai santi Pietro e Paolo (Saint-Pierre-et-Saint-Paul), misura 114 m di lunghezza, 45 di larghezza ed ospita 1500 m2 di vetrate inclusi due rosoni del diametro di 10 metri. Fu iniziata nel 1200 e i lavori si prolungarono a diverse riprese sino al XVII secolo.

Nella sua maestosità, lascia davvero senza fiato.

 

Altre chiese interessanti da visitare a Troyes

Tra gli altri edifici liturgici sono interessanti le chiese di Sainte Madeleine, anch’essa eretta intorno al 1200 e la bellissima basilica di Saint Urbain, della stessa epoca.

 

Visitare Troyes: le casette a graticcio

Difficile vederne oggi in altre città (anche il centro di Rouen ne conserva di bellissime), queste case fatte in legno sono state spesso distrutte a causa di guerre e incendi. In questo caso se ne conservano di particolarmente antiche perché furono sempre ricostruite secondo la tradizione del XIII secolo.

Tra le più notevoli, la tourelle de l’orfevre (XVI secolo) e le casette della Ruelle des Chats (XV secolo), così chiamata perché i gatti potevano saltare da un tetto all’altro senza rischiare di cadere.

 

Visitare Troyes: i musei più interessanti

Proprio di fronte la cattedrale, si trova il museo di arte moderna con opere di autori come Modigliani, Degas, Soutine e altri.

Da segnalare anche il piccolo museo di Saint-Loup, che conserva le memorie archeologiche locali dalla preistoria al medioevo, una sezione di scienze naturali e una pinacoteca, il tutto dentro un antica abbazia.

Per gli amanti delle vetrate come me, vi é uno spazio interamente dedicato ad esplorare questa delicata arte, alla cité du vitrail.

Particolarmente suggestiva e rilassante è la passeggiata sulle rive della Senna, dove si possono ammirare le piccole case riflesse sul canale, e la cattedrale da lontano.

Personalmente ci ho lascito il cuore.

 

Troyes è il regno dello shopping a poco prezzo!

E’ bene sapere che Troyes è considerata la capitale francese dell’outlet: appena fuori dalla città si trovano grandi centri commerciali che vendono le migliori marche a prezzi scontati.

La tradizione gastronomica a Troyes vanta prelibatezze uniche..

Last but not least, la tradizione gastronomica da queste parti propone molte “delizie”: il piatto tipico é una salsiccia chiamata “andouillette”, fatta a partire dagli intestini e dallo stomaco del maiale tagliato grossolanamente.

Dopo questa informazione di servizio, vi lascio alle foto più belle di questa città cosi pittoresca. Fatemi sapere se vi piacciono e se ci siete stati già o pensate di andarci prossimamente nei commenti!

Potrebbero interessarti anche:

Ricordati di lasciare un commento

0 commenti

Lascia un commento

Pin It on Pinterest

Share This