Visitare Sintra: 5 cose da vedere per scoprire questa splendida città del Portogallo

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Stai per viaggiare in Portogallo e vorresti sapere quale città visitare vicino Lisbona? Oltre alla bellissima Tomar ed il suo castello templare, non posso che consigliarti di visitare Sintra, la coloratissima città del Portogallo situata nella regione dell’Estremadura.

Tra le cose da vedere a Sintra c’è sicuramente il suo bellissimo castello, i suoi palazzi dai colori stravaganti e le sue dolci colline ricoperte di pini secolari. Ma la cosa più bella di Sintra è il paesaggio, talmente suggestivo da essere diventato patrimonio dell’umanità dal 1995.

Dopotutto ci deve pur essere una ragione per cui i re portoghesi l’hanno scelta per secoli come residenza estiva, non credi?

Proprio per questa ragione, tra le cose da vedere a Sintra, troverai moltissimi palazzi reali e nobiliari. Come accadeva in tutto il resto d’Europa infatti, i nobili si spostavano insieme alla corte del re e per questo Sintra divenne il luogo di villeggiatura per tutta la nobiltà portoghese.

Insomma, se le vie di Lisbona non ti hanno ancora stancato, devi sapere che per visitare Sintra avrai bisogno di una buona dose di energia, per camminare e scoprire le bellezze celate nei suoi bellissimi palazzi.

Vuoi saperne conoscere le 5 cose da non perdere assolutamente?

Si parte!

Cose da prenotare a Sintra

 

1 – Palazzo nazionale

Non appena entrerai nel centro storico della città, troverai una delle prime cose da vedere a Sintra. Si tratta del Palazzo Nazionale, un bellissimo edificio costruito nel XIV secolo da re Juan I e poi modificato a più riprese nei secoli successivi.

Il Palazzo Nazionale di Sintra è sicuramente uno dei più antichi ed importanti della città, ma io te lo consiglio per un motivo ben preciso. Le modifiche che sono state fatte alla struttura la rendono davvero particolare. Pensa che al suo interno troverai moltissimi stili diversi diversi, tra cui il romanico, il gotico e lo stile manuelino, di cui ti ho parlato anche nella guida sul Convento do Cristo a Tomar.

La cosa sorprendente è che tutti questi stili convivono in perfetta armonia tra loro, insieme ai magnifici azulejos che troverai sia nel giardino che in quasi tutte le stanze del Palazzo.

Ehi, ma cosa sono quelle due torrette bianche che si vedono dall’esterno?

Si tratta di una delle peculiarità del palazzo nazionale di Sintra. Mi sono chiesta anche io cosa fossero fino alla fine della visita, quando sono entrata nelle cucine ed ho capito. Non sono altro che enormi forni, utilizzati dagli esperti cuochi del palazzo per deliziare gli invitati del re.

Dall’esterno non lo avrei mai immaginato.

L’interno del palazzo lo troverai invece ricchissimo di particolari e decorazioni. Non a caso è stato la sede estiva della famiglia reale portoghese fino al 1910.

Tra le cose da non perdere, ti consiglio di cercare la famosa sala delle gazze, dove ci sono bellissimi dipinti di questi animali che rappresentano lo spettegolare delle dame della regina. Inoltre presta particolare attenzione alla bellezza degli azulejos, una delle collezioni più importanti dopo il museo che si trova a Lisbona.

Ma non è finita qui!

Se riesci a distogliere lo sguardo dalle bellissime piastrelle, scoprirai che anche i soffitti del Palazzo Nazionale di Sintra sono particolarmente belli. Il più interessante lo troverai nella Grand Hall, con pannelli dorati che raffigurano gli stemmi della famiglia reale
Insomma questa è sicuramente una tappa obbligatoria per visitare Sintra ed iniziare a scoprire la sua interessantissima storia. Il palazzo si trova a Largo Rainha Dona Amélia, nel bel mezzo del centro storico, quindi non ti sarà affatto difficile trovarlo.

Il prezzo del biglietto è di 10€ ma potrai trovare moltissimi turisti soprattutto nel pomeriggio. Per questo motivo ti consiglio di acquistare il biglietto online, in modo da saltare la coda alle casse e risparmiare un po’ di tempo. Il prezzo è esattamente lo stesso e lo trovi qui.

palazzo nazionale di Sintra, esterno

cucine del palazzo nazionale di sintra

2 – La Quinta da Regaleira

Nonostante l’aspetto potrebbe trarti in inganno, la Quinta da Regaleira di Sintra è un palazzo costruito tra il 1904 ed il 1910 dall’italiano Luigi Manini e comprende un bellissimo giardino, delle grotte e due misteriosi pozzi. Si trova vicinissimo al centro storico della città e non ti sarà quindi difficile da raggiungere dopo aver visitato il Palazzo Nazionale.

Questo è sicuramente uno degli edifici più enigmatici di Sintra, ed è particolarmente interessante anche per le leggende e i numerosi riferimenti all’esoterismo. All’esterno la tenuta conta più di 4 ettari di terreno in cui, oltre allo splendido palazzo, si trovano anche bellissimi laghetti e piccoli templi.

La bellezza di questo luogo è tale che, dal 1995, è stato perfino dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

La maggior parte dei turisti che visitano la Quinta da Regaleira rimangono piuttosto affascinati dallo stile stravagante dell’architettura, ma non sanno che l’attrazione più interessante non si trova in superficie ma nel nel sottosuolo. Si, perché qui si trovano due famosissimi pozzi a spirale, legati ad alcuni riti di iniziazione probabilmente di origine massonica, che ogni anno attraggono migliaia di turisti da tutto il mondo.

Ecco una cosa da non perdere!

Sulla cima di uno dei pozzi si trova la Capela da Santíssima Trindade. Da qui potrai prendere una lunga scalinata che ti porterà all’interno del monumentale pozzo iniziatico, fino a raggiungere una delle cripte. In fondo al pozzo arriverai all’ingresso di una grotta da cui potrai vedere uno dei laghetti più belli della tenuta.

Io l’ho trovato un luogo unico che ti consiglio di visitare!

Ti va di approfondire?

Allora potrai trovare maggiori informazioni in questa guida, in cui ti parlo proprio della Quinta da Regaleira, con tutte le cose da vedere e le curiosità più interessanti.

La Quinta da Regaleira a Sintra è aperta dalle 9:30 alle 20:00 in estate e dalle 9:30 alle 18:00 in inverno. Il prezzo del biglietto per l’ingresso è di 6€ per gli adulti, 4€ per i bambini e gli anziani e 18€ per le famiglie e comprende l’ingresso al palazzo e ai giardini.

Se ti trovi a Lisbona ti consiglio anche questo tour che, oltre a Sintra, ti porterà alla scoperta di Cabo da Roca e Cascais.

quinta da regaleira a Sintra

3 – Palacio da Pena e i suoi tesori

Ti è mai capitato di visitare un castello blu, rosso, giallo e grigio (e no, non vi sto parlando di Disneyland!)?

Tra le cose da vedere a Sintra, il Palacio de Pena mi ha lasciato davvero sbalordita proprio per i colori così insoliti di questa impressionante costruzione, progettata dall’architetto tedesco Ludwig von Eschwege.

Il Palazzo da Pena è relativamente recente, fu costruito tra il 1836 ed il 1885 sopra a un antico convento del XIV secolo. Gli interni sono molto belli, gli arredi sono conservati perfettamente e il paesaggio che si gode dalla cima è incredibile.

Forse non lo sapevi ma si tratta di una delle attrazioni turistiche più importanti di tutto il Portogallo, perché rappresenta uno splendido esempio di stile architettonico romantico del XIX secolo.

Ma cosa c’è da vedere?

Beh, l’interno è molto ben curato, con decorazioni del 1910 e moltissimi oggetti di arredamento davvero caratteristici. La parte più interessante, tuttavia, sono probabilmente le splendide terrazze che si affacciano sui boschi del Parque de Pena. Qui troverai moltissime statue a tema mitologico oltre che le splendide decorazioni presenti sui bastioni.

Se i colori delle terrazze ti appaiono ancora brillanti e vividi, lo dobbiamo ai restauri del 1996. La colorazione originale era infatti sbiadita con gli anni ed il Palacio da Pena a Sintra aveva perso parte del suo fascino caratteristico.

Ed il giardino esterno?

Il parco che circonda il castello è immenso e, anche qui, potrai davvero perderci delle ore. Troverai boschi e sentieri nascosti, ma la cosa che davvero ti toglierà il fiato sono i numerosi punti panoramici, perfettamente in linea con gli ideali romantici di quel periodo.

Per entrare al Palacio da Pena e al Parco Pena c’è un biglietto che costa 14€ e può essere acquistato direttamente online per evitare di fare la fila alla cassa. Puoi acquistarlo qui. L’edificio è aperto  dalle 10:00 alle 19:00 durante l’estate e dalle 10:00 alle 17:00 durante l’inverno mentre è chiuso tutti i lunedì dell’anno.

Il palazzo è chiuso il lunedì.

Palacio da Pena

Palacio da Pena

4 – Castelo dos Mouros, rovine dall’antichità

Tra le cose da vedere a Sintra non lasciarti sfuggire il Castelo dos Mouros, l’antica roccaforte dei mori, risalente a prima della riconquista cristiana della penisola iberica, ante 1147.

Oggi il Castello dei Mori di Sintra si presenta come un castello in rovina e si trova all’interno delle lussureggianti foreste della Serra de Sintra. Ha una storia importante perché fu iniziato dai Mori nel IX secolo ma cadde totalmente in disuso quando i cristiani riconquistarono la città ed lo espugnarono.

La struttura, come potrai vedere con i tuoi occhi, è stata restaurata di recente, nel XIX secolo. Il merito è di re Ferdinando II, che decise di preservarlo senza modificarne troppo l’architettura, e di mantenere il suo fascino di antica rovina.

Perché visitarlo?

Il Castello dei Mori è importantissimo per questa regione del Portogallo. É diventato Monumento Nazionale nel 1910 ed è protetto dall’UNESCO dal 1995 perché fa parte del Paesaggio Culturale di Sintra. Ti assicuro che lo spettacolo dai 412 metri dei suoi bastioni vale, non solo il prezzo del biglietto, ma anche il viaggio in Portogallo.

Da qui potrai vedere i più bei palazzi di Sintra, il municipio e le splendide colline. Inoltre potrai godere di una visuale unica dell’oceano Atlantico, da una posizione estremamente privilegiata.

Ok, ma come raggiungerlo?

Se vuoi visitare il Castello dei Mori devi sapere che non si trova esattamente a Sintra ma a circa 4 km dalla città. Per raggiungerlo potrai prendere l’autobus 434 fino alla vetta della rocca perché il percorso sulle colline è alquanto ripido. L’autobus turistico parte dalla stazione ferroviaria, attraversa il centro di Sintra per poi arrivare al Castello dei Mori e al Palazzo de Pena.

Il biglietto d’ingresso per entrare nel Castello dei Mori costa 9€ per essere acquistato online ma ti permetterà di risparmiare molto tempo. Puoi trovare i biglietti direttamente qui.

Gli orari di apertura sono dalle 9:30 alle 20:30 in estate e dalle 10:00 alle 18:00 in inverno. Al contrario degli altri palazzi di Sintra, il castello è aperto tutti i giorni.

castello dei mori a Sintra

5 – La passeggiata panoramica: la mia esperienza

Sintra è stata un’avventura per me.

Infatti, dopo aver visitato i primi due castelli (rigorosamente a piedi anche negli spostamenti), mi sono avventurata verso il palazzo da Pena, felice di poter fare la passeggiata panoramica di cui parlavano i cartelli e la mia guida. Premesso che avevo una borsa molto pesante ed ero con dei sandaletti in cuoio molto poco adatti ad un percorso di trekking, mi sono accorta solo troppo tardi che quella che credevo una passeggiata era in realtà un vero e proprio percorso nel bosco.

Una vera arrampicava!

A meno che tu non abbia delle scarpe adatte, ti sconsiglio assolutamente di intraprendere questo cammino!

A tratti credevo di essermi persa nel bosco perché non c’erano più indicazioni, altre volte ho rischiato di scivolare ma era troppo tardi per tornare indietro e rifare lo stesso tragitto in discesa. Non è stato bello ritrovarsi sola nella foresta senza sapere dove andare e con il cellulare che non prendeva. Insomma non mi sono goduta a pieno la visita al palazzo da Pena per via della stanchezza e della fatica che avevo fatto per arrivarci.

Non ho capito se ho sbagliato io il percorso e ho preso la via della scalata invece della passeggiata, distratta dalla bellezza del paesaggio, in ogni caso fai attenzione!

Comunque i paesaggi che ho potuto ammirare durante la mia scarpinata erano davvero incantevoli.

Visitare Sintra vuol dire anche questo!

Informazioni pratiche su Sintra

Raggiungere Sintra da Lisbona è molto facile. Le due città sono ben collegate dal treno che impiega circa un ora per arrivare a destinazione.

Una volta a Sintra, potrai scegliere se andare a piedi, con il bus turistico o noleggiare un mezzo come una bicicletta. Io l’ho fatta tutta a piedi e a fine giornata non ce la facevo più… ti consiglio quindi il bus turistico.

Il bus ferma, tra le impervie salite della città, in tutti i punti di interesse: il biglietto giornaliero costa circa 5 euro e ti consiglio vivamente di farlo, a meno che tu non sia un esperto scalatore!

I biglietti d’ingresso per i vari palazzi posso essere acquistati direttamente in loco ma ti consiglio di fare un biglietto unico per i vari castelli, usufruendo dello sconto. Puoi acquistare i biglietti presso l’ufficio del turismo di Sintra, a due passi dalla piazza del palazzo nazionale.

Un altro consiglio che mi sento di darti è di prenotare il tour panoramico giornaliero. Io purtroppo non ne ero a conoscenza durante la mia visita e ho avuto la sfortuna di scoprirlo solo quando sono tornata a casa. Si tratta di un tour di 8 ore che, oltre a portarti nei palazzi più belli di Sintra, ti accompagnerà anche sulla costa del Portogallo.

Qui potrai scoprire la bellissima Cabo da Roca, il punto più occidentale d’Europa e proseguire fino a raggiungere la Costa di Estoril e con i villaggi di Cascais e Oeiras.

Insomma una bella avventura.

visitare sintra, palazzo nel mezzo della foresta

Commenti

Scrivimi qui sotto nei commenti se hai bisogno di aiuto per visitare Sintra, per prenotare un albergo o per trovare i biglietti per le varie attrazioni senza dover fare la fila.

Ti risponderò al più presto.

Elisa

Elisa

Ciao, io sono Elisa! Sono una storica dell’arte e travel blogger. Ho uno spirito nomade e adoro viaggiare per scoprire posti nuovi, scrivere e vivere nuove esperienze! Dal 2012 ho creato arttrip.it per condividere le mie esperienze di viaggio con tutti voi. Foto scattate con Panasonic GH5

2 commenti su “Visitare Sintra: 5 cose da vedere per scoprire questa splendida città del Portogallo”

Lascia un commento