Visitare Lisbona: 8 cose da fare assolutamente nella capitale del Portogallo

Eda, Storica dell’arte

Se hai in programma un viaggio a Lisbona, ci sono alcune meraviglie che non puoi assolutamente perderti.

Ti racconto cosa vedere, fare, assaggiare nella splendida capitale del Portogallo più qualche dritta che a me è stata utile per la visita!

La storia che devi conoscere per capire e visitare Lisbona

Se vuoi visitare Lisbona ci sono alcuni cenni storici che devi assolutamente conoscere per capirla. Nell’antichità era conosciuta come Olisipo, ed era già centro di scambi commerciali. Quando i romani si insediarono nella penisola iberica, chiamarono questa regione Lusitania e la città venne annessa come comune romano nel 205 a.C. Fu nel 585 d.C., durante le invasioni barbariche, sotto il dominio dei visigoti, che il nome della città divenne Ulishbona.

Il toponimo cambiò  di nuovo nel 711, quando venne conquistata dagli arabi e venne chiamata al-Isbunah. La religione ufficiale divenne l’Islam ma ai cristiani e agli ebrei, presenti in città da molti secoli, fu concesso di continuare a professare le proprie fedi. Di questo periodo rimangono ancora segni tangibili nella città: in particolare nel quartiere antico dell’Alfama, sulla collina del castello.

La città venne riconquistata dai cristiani nel 1147 dal primo re portoghese, Alfonso I. Le moschee furono trasformate in chiesa e la religione ufficiale tornò ad essere il cristianesimo. Non solo: Lisbona e tutto il Portogallo, da allora in poi furono tra i più strenui difensori della chiesa Cattolica. Tra il XV e il XVII secolo, ci fu un’epoca d’oro per la città a seguito della scoperta delle Americhe e allo spostamento delle rotte sull’Atlantico. Lisbona era il porto da cui provenivano merci dalle Indie, dall’Africa, dal nuovo continente e dove tutte le ricchezze si concentravano.

La fine di questo periodo di prosperità si ebbe nel 1755 con il terribile terremoto che rase al suolo gran parte della città e alcuni importanti monumenti come la chiesa do Carmo. La conquista napoleonica costrinse i sovrani del Portogallo ad un esilio forzato in Brasile e alla dispersione di molte delle loro ricchezze. Nel 1908 il re fu assassinato e fu proclamata la repubblica. Iniziò un’epoca di grande instabilità politica, che culminò con la dittatura di Salazar che durò dal 1932 al 1974.

Oggi Lisbona è una capitale molto attiva sotto il profilo culturale ed artistico. Negli ultimi anni sono stati inaugurati vari musei mentre la zona del parque das nações è popolata da strutture modernissime e all’avanguardia. Se vuoi  sapere le attrazioni da non perdere per visitare Lisbona, non ti resta che continuare a leggere!

1) Il castello di San Giorgio: il punto di osservazione più bello per visitare Lisbona!

Il castello di Lisbona è uno dei luoghi più suggestivi della città. Fu dedicato a San Giorgio da re Juan I, che aveva sposato una principessa inglese molto devota al santo.

Questo castello medievale fu modificato a più riprese nei secoli, e fu il cuore della vita militare di Lisbona in quanto ultimo baluardo della città durante gli assedi. Fu praticamente abbandonato dopo il grande terremoto del 1755 che lo danneggiò gravemente. Negli anni ’40 fu restaurato e vennero riportate alla luce le fondamenta del palazzo. Dalla grande piazza Praça D’Armas si gode un paesaggio magnifico sulla città. 

Salendo sulle torri della cittadella e facendo il giro dei bastioni, si può ammirare una vista incredibile su tutta Lisbona. Vi consiglio inoltre un giro al museo che dispone di pochissime sale ma che dà un’idea precisa della storia della città e di questo incredibile maniero. Per visitare il castello di San Giorgio ritagliatevi almeno due ore: se volete visitare Lisbona non potete assolutamente perdervelo!

2) La cattedrale e le chiese di Lisbona: un tuffo nell’arte votiva

Lisbona è una città con una profonda tradizione cattolica: per questo nei secoli sono state costruite numerose e splendide chiese. Tra quelle da visitare assolutamente c’è Santa Luzia (con magnifici azulejos rappresentanti la storia della città), la chiesa di Santa Engracia (oggi Pantheon nazionale) e ovviamente la cattedrale Sé. 

Questo edificio fu costruito nel 1150 da Alfonso I, che aveva riconquistato la città agli arabi e la fece simbolicamente erigere al posto di una moschea. Il luogo aveva una tradizione secolare, poiché prima della moschea vi era una chiesa visigota, a sua volta eretta su un monumento romano. L’abbreviazione Sé sta per sede episcopalis o sede vescovile, poiché ospito’ il nuovo vescovo della città.

Essendo antichissima, in questa superba chiesa convivono diversi stili. La facciata, caratterizzata da due grandi torri merlate, è romanica, il chiostro è gotico e molte cappelle sono barocche. Tuttavia, a seguito del terremoto del 1755, anche la Sé fu gravemente danneggiata e venne ricostruita successivamente in stile neoclassico e rococò. Al primo piano della cattedrale si trova un piccolo museo del tesoro, interessante per ripercorrere le fasi costruttive della chiesa.

Da non perdere una visita a questo luogo pieno di storia!

3) Il monastero dos Jéronimos, l’attrazione che devi assolutamente vedere se vuoi visitare Lisbona

Questo complesso è uno dei più importanti e belli di Lisbona e tra i più bei monumenti in stile manuelino. Se vuoi visitare Lisbona non puoi assolutamente perdertelo! Il monastero fu costruito per celebrare il ritorno di Vasco de Gama, che aveva trovato la rotta per le indie. Fu proprio grazie ad una percentuale sulle importazioni dalle nuove rotte commerciali, che fu possibile costruire questa struttura.

Le decorazioni sono molto particolari, tratte dalla tradizione gotica e rinascimentale. Questo stile prende il nome di manuelino dal sovrano Manuele I che ne fu il mecenate. La bellezza delle sculture e l’armonia dell’insieme sono talmente affascinanti da rendere l’atmosfera quieta ed elegante nonostante il grande sfarzo della decorazione. I lavori iniziarono nel 1502 e terminarono quasi cento anni dopo. Si decise di erigerlo a Bèlem, lontano dal centro cittadino, perché pare che il grande navigatore avesse passato proprio qui in preghiera la notte prima della sua partenza.

La chiesa sembra popolata da alberi pieni di rami talmente i suoi pilastri e le alte volte sono ricche di nervature! Il progetto è di Diego Torralva e tra le ricche decorazioni si trovano anche i monumenti funebri del sovrano e della sua consorte. All’interno del monastero si possono ammirare anche le sepolture di Vasco de Gama, di Fernando Pessoa e di Luis de Camoes

Tra le altre cose, nella chiesa sono conservati bellissimi capolavori dell’oreficeria portoghese. Splendida anche la sagrestia, visitabile a pagamento, separatamente dal resto del monastero (la visita alla chiesa è invece gratuita).

La parte che mi è piaciuta di più è sicuramente il chiostro, disposto su due livelli e decorato in modo superbo. Bello anche il refettorio, con numerosi azulejos.

4) Piccoli musei, grande storia: ecco quali vedere per visitare Lisbona!

Ti ho parlato dei musei da vedere a Lisbona in questo post specifico, perché sono davvero tanti e molto belli! Fammi sapere cosa ne pensi!

5) Scoprire la vera anima di Lisbona a piedi

Lisbona  ha un solo difetto: è tutta in salita!

Percorrerla a piedi è faticoso ma è anche il modo migliore per conoscerla e viverla. Tra i quartieri più belli dove passeggiare c’è l’antica zona dell’Alfama, un labirintico percorso fatto di viuzze e scalinate. Le salite ripidissime e le discese scivolose ti sfiancheranno ma ti regaleranno anche scorci bellissimi e punti panoramici che ti faranno restare a bocca aperta. I più pigri potranno prendere lo storico tram 28 ma il consiglio è comunque di farlo a piedi.

Altro quartiere da percorrere a piedi è il Rossio, e la lunga passeggiata per la bellissima rua Augusta, piena di ristoranti e negozi, che termina sotto all’arco omonimo e alla praça do Commercio.

La forma di Lisbona è molto particolare poiché si trova praticamente dove il fiume Tago (Tejo in portoghese) incrocia l’oceano Atlantico. In più punti ci si può in riva al mare, a partire dal molo della Praça do Commercio. La passeggiata più bella che ho fatto sul lungomare tuttavia era dal convento dos Jéronimos alla torre Bélem. Questo quartiere infatti comprende vari monumenti che vale la pena vedere, come il monumento alle scoperte dove campeggia Cristoforo Colombo, fino alla splendida torre di Bélem risalente al XVI secolo.

Durante le mie visite ho fatto più di 20 km al giorno a piedi e la sera ero stremata… tuttavia penso che se vuoi davvero visitare Lisbona, il modo migliore sia farlo a piedi!

Piazza del Rossio

Torre Bélem

Monumento alle scoperte

Piazza del Commercio

6) Scoprire la parte più moderna di Lisbona…

Non tutti conoscono la parte più moderna di Lisbona, nel quartiere Parque das Nações. Quest’area a sud della città fu costruita per l’esposizione mondiale del 1998, e con l’occasione fu rivalutata tutta questa parte della capitale portoghese.

Arrivando alla stazione do Oriente, noterai subito le architetture futuristiche dell’architetto Calatrava, mentre passeggiando non potrai non ammirare le due grandi torri São Gabriel e São Rafael, oggi condomini di lusso. Attorno al centro commerciale Vasco da Gama troverai ristoranti, musei della scienza, negozi e la funivia che si può prendere per ammirare questa parte cosi originale della città.

Una tappa da non perdere a Lisbona!

7) Osservare la città dall’alto: i punti panoramici più belli

Ci sono diversi punti panoramici da cui vale la pena ammirare Lisbona. Uno è il bellissimo ascensore di Santa Justa, realizzato in stile neogotico. Vi regalerà una vista bellissima della chiesa diroccata do Carmo che si trova proprio li dietro.

Anche sull’arco di rua Augusta si puo’ salire e godere di uno splendido paesaggio.

Ma i punti panoramici sono molti di più… a partitre dalle terrazze del castello medievale. Vi sono poi più di 30 miradouros disseminati nella città: io ho ammitato il  miradouro Santa Luzia sull’Alfama e quello di São Pedro de Alcântara.

A voi trovare gli altri!

8) Ecco cosa devi assaggiare a Lisbona per andare in estasi!

La cucina portoghese è davvero molto buona e non si può visitare Lisbona senza assaggiare alcune delizie tipiche. Ecco le cose che non puoi perderti assolutamente!

pastel de nata: sono dei piccoli flan di pasta sfoglia ripieni di crema all’interno e caramellata sulla cima. I più buoni li preparano a Bélem.

bacalhau: è il baccalà e viene servito in tutte le salse. Nella maggior parte dei ristoranti propongono vari tipi di cottura e accompagnamenti.

pastéis de bacalhau: una sorta di suppli o arancino al baccalà. Sono eccezionali!

chouriço: sono le salsicce tipiche

Sardinhas assadas: tra i piatti tipici di Lisbona, sono sardine arrostite servite con verdure alla griglia o lesse.

vinho verde: I vini portoghesi che ho assaggiato erano tutti buoni, ma il vinho verde ha decisamente vinto. Si tratta di un vino bianco poco stagionato. Attenzione, è comunque alcolico!

Monumento alle scoperte a Bélem

Potrebbero interessarti anche:

Ricordati di lasciare un commento

Lascia un commento

Pin It on Pinterest

Share This