Cosa vedere a Santarcangelo di Romagna

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Le sue stradine, i suoi paesaggi e le sue incredibili grotte… ti porto a scoprire un angolo sconosciuto di Romagna!

Quando sono arrivata a Santarcangelo di Romagna ho notato subito le sue antiche casette di mattoni, le mura merlate, i campanili. Passeggiando per i suoi vicoli si respira davvero la bellezza di questa regione.

Ma il vero tesoro di questo paese, tuttavia, sono le sue grotte.

Le grotte di Santarcangelo di Romagna

Il sottosuolo di Santarcangelo di Romagna, è totalmente scavato da sistemi comunicanti di gallerie. Queste grotte furono utilizzate per conservare il vino sangiovese, e nei secoli hanno rivestito a mano a mano, ruoli diversi ma importantissimi per la città e per i suoi abitanti.

Probabilmente furono scavate dapprima come luoghi di sepoltura dagli etruschi, per poi divenire chiese rupestri, forse addirittura clandestine, per i primi cristiani, sino al medioevo. Durante il secondo conflitto mondiale infine, la maggior parte della popolazione si rifugiò in questi tunnel per sfuggire alla guerra, alcuni ci vissero per anni interi. Le grotte sono visitabili con la guida ad un prezzo modico di 2-3 euro a persona, il tour parte ogni ora dall’ufficio del turismo.

Nei dintorni di Santarcangelo di Romagna

Nei dintorni di Santarcangelo di Romagna c’è molto altro da visitare: la pieve di San Michele Arcangelo, risalente al VI secolo, le fontane di Tonino Guerra e la pescheria, il tradizionale mercato del pesce. Se avete altri suggerimenti scriveteli nei commenti!

Anche una passeggiata per i vicoli di Sant’Arcangelo di Romagna è davvero piacevole. Si gode di un bellissimo panorama sulla val Marecchia dalle sue terrazze. Ancora una bella scoperta in Emilia Romagna!

Potrebbe interessarti anche

Elisa Di Agostino

Elisa Di Agostino

Ciao, io sono Elisa! Sono una storica dell’arte e travel blogger. Ho uno spirito nomade e adoro viaggiare per scoprire posti nuovi, scrivere e vivere nuove esperienze! Dal 2012 ho creato arttrip.it per condividere le mie esperienze di viaggio con tutti voi.

Lascia un commento