5 musei di Colonia da non perdere: dall’arte contemporanea alla cioccolata

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Colonia è una delle città più visitate della Germania grazie alla sua magnifica cattedrale. Quando arriverai alla stazione centrale dei treni, il Duomo di Colonia è sicuramente la prima cosa che noterai sia per la bellezza dell’edificio ma soprattuto per le enormi dimensioni.

Ma in questo post non ti parlerò del Duomo, che puoi invece approfondire in questo articolo, perché le cose da vedere a Colonia sono davvero moltissime, a partire dai suoi musei più belli.

Ti trovi a Colonia o hai intenzione di visitare questa bellissima città della Germania?

Vorresti fare un piccolo tour dei suoi musei più importanti?

Allora ti trovi nel posto giusto!

Lo so, molte persone pensano che i musei siano un luogo noioso ed impolverato. In realtà i musei di colonia ti permetteranno di fare un escursus nel mondo dell’arte ma anche nella storia e nelle tradizioni di questa città. Colonia è molto di più che una città dello shopping con una bella cattedrale, qui potrai spaziare dall’arte medievale all’arte moderna passando anche per il delizioso museo del cioccolato.

Pensa che c’è perfino un meraviglioso museo romano, a pochissimi metri dal Duomo. Al suo interno troverai uno dei mosaici più belli che sono giunti fino a noi e moltissimi altri reperti che ti faranno fare un vero e proprio viaggio nel tempo. Ma non voglio anticiparti nulla perché troverai tutte queste informazioni nei paragrafi qui sotto.

Allora, ti va di conoscere i 5 musei di colonia che non devi assolutamente perderti?

Si parte!

Museo Ludwig a Colonia

Il Museo Ludwig di Colonia si trova proprio dietro la famosa cattedrale ed è uno dei più importanti musei di arte contemporanea in Europa. Le opere che troverai all’interno spaziano dal ‘900 ad e spiccano nomi come Picabia, Duchamp, Braque, Klee, una grande collezione di Picasso, Modigliani, Dali e molti altri.

Ma non solo.

Molto bella è anche la sezione pop art dove troverai alcuni lavori di Andy Warhol e Roy Lichtenstein. Mentre la statua iperrealistica di Duane Hanson mi ha fatto davvero impressione!

Quali sono le opere più belle?

Tra le opere più importanti di questo museo di Colonia, mi hanno colpita molto alcune opere di Kupka, ma la ragione della mia visita era mirata ad osservare da vicino un quadro ben preciso.

Si tratta delle “cinque donne per strada” di Kirchner, ne hai mai sentito parlare?

Ora te lo racconto!

In questo dipinto di Kirchner viene rappresentata una città moderna, la sofferenza ed allo stesso tempo il distacco. Le cinque donne rappresentate, forse prostitute, sono rese attraverso colori acidi e stridenti con pennellate violente. L’ambientazione invece è appena accennata: potrai notare la ruota di un’automobile ed i lineamenti di un’altra figura sulla destra, forse un palazzo.

Ti consiglio di osservarlo con attenzione perché in questo quadro troverai moltissimi elementi tipici dell’espressionismo tedesco. Questa corrente artistica trova infatti ispirazione in situazioni molto sofferte, riproducendole con elementi particolarmente tristi e disperati.

In questo quadro del Museo Ludwig di Colonia, ad esempio, le 5 donne non hanno nulla di femminile. I loro corpi sono infatti disegnati con forme particolarmente spigolore e taglienti e non ti daranno nessuna sensazione di calore umano.

Perché questa cosa?

Il concetto che sta dietro a queste opere è che la verità non è facile da scovare, ma si trova sempre al di là delle apparenze. Inoltre non può essere colta con gli occhi, ma soltanto attraverso una più profonda conoscenza dell’animo umano.

Poco importa quindi se i 5 personaggi raffigurati siano delle prostitute o delle donne benestanti. Qui la critica è tutta per la società borghese del tempo che non era affatto stimata dagli espressionisti tedeschi.

cinque donne per strada di Kirchner

Il museo romano di Colonia

Da romana, come era già successo per il museo Gallo-Romano di Lione, mi sono chiesta se valesse davvero la pena di visitare l’ennesimo museo romano.

Alla fine non ne ho abbastanza a casa di resti romani?

Inutile dire che non ho saputo resistere, sono entrata e ho scoperto una cosa fondamentale: gli antichi romani non smettono mai di stupirti, anche nelle terre lontane della  Germania inferior.

Vuoi sapere perché?

Prima di tutto l’allestimento.

Il museo romano di Colona è costruito su grandi colonne che sembrano una chiara allusione ad un tempio della Roma antica. Al suo interno sono raccolte testimonianze dalla preistoria all’epoca merovingia e, tra i reperti più pregiati del museo, potrai osservare il bellissimo mosaico di Dionisio, risalente al 220 d. C. Quest’opera è semplicemente fantastica, pensa che misura circa 70 metri quadrati ed è composto da 1 milione e mezzo di tasselli colorati fatti in pietra naturale, vetro e argilla.

Mi era già capitato di restare basita difronte ad un mosaico ed era successo di fronte ad uno dei capolavori del Museo Archeologico di Napoli. Ma non ne avevo mai trovati di così belli in Germania.

Un’altra sezione molto bella del Museo Romano di Colonia riguarda invece un’importante raccolta di vetri antichi: vasi, bicchieri, bottiglie che arricchivano le tavole dei nobili e ancora fanno mostra delle loro decorazioni. Alcuni sono davvero molto preziosi perché è rarissimo riuscire a trovarne di intatti, vista la fragilità del vetro.

Dove si trova questo museo?

Il museo Romano di Colonia, così come il museo Ludwig, si trova proprio a ridosso del duomo, dovrai semplicemente fare il giro della cattedrale e te lo troverai dofronte.

Ecco una curiosità!

Il museo è stato costruito a partire dalle mura di un’antica villa romana scoperta nel 1941 per poi essere inaugurato più di 30 anni dopo. Mi sono subito venuti in mente i nostri Musei Capitolini, al cui interno troviamo ancora il tempio di Giove.

Te lo consiglio!

museo romano a colonia, mosaico

Il museo del Duomo di Colonia

Tra le cose da vedere a Colonia, non puoi assolutamente dimenticarti di entrare all’interno della bellissima cattedrale e scoprire il Tesoro del Duomo di Colonia. All’interno sono custoditi dei capolavori inestimabili oltre che una parte importante della storia della città.

Perché è così importante?

Devi sapere che Colonia è stata pesantemente bombardata dagli alleati durante la seconda guerra mondiale, ed è davvero un miracolo se oggi possiamo ancora visitare questa bellissima cattedrale.

Come per Notre Dame di Parigi, purtroppo danneggiata dal recente incendio, il Duomo di Colonia è il monumento religioso più visitato della Germania con oltre 6 milioni di visitatori ogni anno.

Cosa vedere al suo interno?

Tra le cose più belle da vedere, troverai uno dei sarcofaghi più belli che abbia mai visto: l’Arca dei Re Magi.

Quest’opera di oreficeria ti lascerà senza parole sia per la sua grandezza ma soprattutto per l’accuratezza dei dettagli: è realizzata completamente in legno e argento dorato, pesa la bellezza di 300kg ed è lungo 2 metri per un metro e mezzo d’altezza.

Vuoi sapere cosa mi ha davvero affascinato di questo luogo?

Se deciderai di affrontare la “scalata” e salire in cima alle torri del Duomo di Colonia, probabilmente te ne renderai conto anche tu: il panorama da lassù è assolutamente mozzafiato.

Vuoi saperne di più?

Puoi approfondire in questo articolo sul Duomo di Colonia.

tesoro del duomo di colonia

croce del museo del duomo

Il museo del cioccolato

Museo del cioccolato a Colonia?

Davvero è uno dei museo più belli da vedere in città?

Si, il museo del cioccolato non sarà un’attrazione artistica, ma può insegnarti davvero molto.

Il nome in tedesco è Schokoladen museum Imhoff poiché venne fondato da un imprenditore dell’industria dolciaria, Hans Imhoff. Forse stenterai a crederci ma dal 1993 ad oggi ha riscosso un grande successo, poiché conta più di 600 mila visitatori l’anno.

Perché visitarlo?

Il museo del cioccolato di Colonia si trova presso il porto del Rehinau, non lontano dalla cattedrale, e ti permetterà di fare un viaggio particolarmente dolce alla scoperta della cioccolata. Tra le sale del museo scoprirai le sue antiche origini, quando i Maya e gli Atzechi chiamavano la cioccolata “il cibo degli dei”, come viene prodotta oggi e la sua progressiva conquista dei mercati europei e mondiali.

All’interno ci sono molte installazioni digitali che renderanno la tua visita ancora più piacevole, soprattutto se stai viaggiando con dei bambini. Ovviamente non mancheranno degli assaggi lungo il percorso: oggi il museo è sponsorizzato dalla Lindt e potrai assaggiare dei wafer intinti in una fontana di cioccolata alta 3 metri… gram!

museo del cioccolato

Museo della Gestapo

Tutto l’opposto del museo del cioccolato: qui di piacevole troverai ben poco. Il museo della Gestapo di Colonia è stato allestito all’interno della vecchia sede della Gestapo della città e probabilmente ti farà venire i sudori freddi.

In un edificio apparentemente normalissimo si nascondono alcune delle storie più tristi di Colonia e della Germania intera. All’interno si trova una terribile prigione in cui sono state detenute migliaia di persone e uccise a centinaia.

Perché visitarlo?

Prima di tutto perché è nostro dovere mantenere il ricordo di queste atrocità affinché non accadano mai più!

La parte più impressionante del museo della Gestapo sono proprio le scritte sui muri della prigione, in tutte le lingue europee, dal russo allo spagnolo, con le testimonianze dei detenuti che raccontano parentesi della propria storia. Chi fu rinchiuso ingiustamente, chi era incinta, chi era spaventato e chi rassegnato, chi stava per essere fucilato, chi era poco più di un ragazzino e chi vecchio… pezzi di vite spezzate o magari miracolosamente scampate alla morte in uno dei periodi più orribili della storia dell’uomo.

Io ho avuto una grande sensazione di angoscia e spavento che mi è rimasta addosso anche dopo essere uscita.

Ai piani superiori del museo della Gestapo è allestita un’esposizione sulla vita sotto il nazismo: com’era organizzata la scuola, il lavoro, la Gestapo etc. Anche qui troverai testimonianze più o meno scioccanti.

Vuoi sapere cosa mi ha davvero sconvolto?

La parte più dura è stata apprendere della sterilizzazione operata sulle donne tedesche ritenute “non sane”. Rientravano nella categoria tutte quelle che avevano in famiglia casi di malattie ereditarie o non erano particolarmente intelligenti.

Ma se è così angosciante, perché andarci?

Nonostante il clima non proprio piacevole, il museo della Gestapo di Colonia è da visitare soprattutto se hai bambini o ragazzi al seguito. Credo che non dovremmo mai più dimenticare le atrocità della guerra: il mondo non deve mai più cadere in certi errori e tutti dobbiamo essere consapevoli di ciò che è accaduto.

É nostro compito ricordare ciò che è stato affinché non succeda mai più!

Pensare che Colonia, una città vivace, bella e colorata, possa essere stata sfondo di certi eventi mi ha davvero spezzata.

museo della gestapo

Consigli e informazioni per visitare i musei di Colonia

A Colonia troverai molti altri musei interessanti come il Kolnisches Stadtmuseum, il museo della città di Colonia, che ripercorre la storia della città nei secoli. Il museo del profumo, in cui puoi scoprire la famosa acqua di Colonia o il Kolumba, in cui troverai i tesori del vescovo della città ed elementi di vita quotidiana dal medioevo ad oggi.

Ce ne sono molti altri, ma questi sono quelli che mi sono piaciuti di più e che ti consiglio di non perdere.

Un trucco per risparmiare!

Se pensi di visitare doversi musei in città, ti consiglio la KölnCard. Puoi acquistarla direttamente QUI al prezzo di 9 euro.

Commenti su Colonia

Hai già visitato questa bellissima città della Germania?

Che impressione hai avuto? Raccontamelo qui sotto nei commenti o scrivimi anche se hai bisogno d’aiuto. Ti risponderò al più presto

Elisa

Elisa

Ciao, io sono Elisa! Sono una storica dell’arte e travel blogger. Ho uno spirito nomade e adoro viaggiare per scoprire posti nuovi, scrivere e vivere nuove esperienze! Dal 2012 ho creato arttrip.it per condividere le mie esperienze di viaggio con tutti voi. Foto scattate con Panasonic GH5

Lascia un commento