La storia di Roma in breve: dalla fondazione fino ad oggi

storia di roma dalla fondazione ad oggi
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Secondo la tradizione Roma fu fondata da Romolo il 21 Aprile del 753 a.C. e divenne presto una delle città più importanti dell’allora mondo conosciuto.

Ha avuto 7 re ma la vera espansione della città avvenne al tempo della Repubblica. In questo periodo i Romani conquistarono gran parte d’Europa e del nord Africa, costruirono molti importanti monumenti e produssero capolavori di letteratura e poesia.

Il periodo più florido della società romana arrivò sotto Ottaviano Augusto, figlio adottivo di Giulio Cesare. Egli diede inizio all’epoca imperiale (30 a.C ca) e promosse lo sviluppo della cultura e delle arti. Roma divenne la capitale del più grande impero mai visto e rimase tale per secoli.

Il Cristianesimo trasformò profondamente la sua struttura sociale ed il suo cuore pulsante a partire dall’imperatore Costantino, nel 313 d.C. In questo periodo iniziò la costruzione di molte chiese come San Pietro in Vaticano, Sant’Agnese e San Lorenzo fuori le mura.

Con la fine dell’impero e le invasioni barbariche (sacco di Roma, 410 d.C.), Roma perse la sua centralità politica ma rimase il centro spirituale d’Europa come residenza dei Papi.

Durante il medioevo furono costruite molte chiese interessanti e particolari, tutte influenzate dal revival dell’arte classica. In questo periodo vennero edificate San Clemente, Santa Maria Maggiore e Santa Maria in Trastevere. Divenne nuovamente centro di cultura nel Rinascimento, poiché molti papi (considerati come “Re” di Roma) furono patroni delle arti.

Inizia qui la costruzione della cappella Sistina, completamente decorata dai più famosi artisti del Rinascimento, prima dell’intervento di Michelangelo nel secolo successivo.

Roma fu per secoli uno dei più importanti centri artistici dell’occidente anche grazie alla costruzione della  fabbrica della nuova San Pietro, fino alla fine del XVII secolo. La politica Controriformistica includeva l’obiettivo di trasformare Roma in una città teatrale e magnifica.

Il risultato della Controriforma furono le opere d’arte barocche di artisti come Bernini e Borromini. Basti pensare alle sculture di Berninigalleria Borghese a Roma o a Piazza Navona con la bellissima Fontana dei Quattro Fiumi e alla chiesa di Sant’Agnese in Agone.

Garibaldi conquista roma nel 1870 e con l’unificazione d’Italia finì il regno dei papi, ed il potere passò al nuovo re d’Italia Vittorio Emanuele II. L’intento del re era di trasformare nuovamente la città costruendo grandi strade e fontane come Piazza Esedra per rendere Roma simile alle altri grandi capitali europee.

Roma ha cambiato volto molte volte!

Un’altra trasformazione fu operata da Benito Mussolini, nel periodo fascista (1925-1945), quando il dittatore propagandò la restaurazione dell’impero Romano. Il “duce” fece distruggere e modificare molti monumenti medievali per mostrare ed enfatizzare le antiche rovine e costruzioni Romane.

La sua lunga storia ed i grandi cambiamenti che ne hanno modificato il tessuto urbano, fanno di Roma una città unica ed incredibile.

Staremo a vedere cosa riserverà il futuro alla nostra Urbe!

Elisa

Elisa

Ciao, io sono Elisa! Sono una storica dell’arte e travel blogger. Ho uno spirito nomade e adoro viaggiare per scoprire posti nuovi, scrivere e vivere nuove esperienze! Dal 2012 ho creato arttrip.it per condividere le mie esperienze di viaggio con tutti voi.

Lascia un commento

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email