6 motivi per cui fare un’esperienza di vita all’estero é fondamentale

visuale di parigi da notre dame
Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Hai mai pensato di fare un’esperienza all’estero e scoprire come si vive altrove?

L’Italia è un paese meraviglioso, sono la prima ad essere innamorata dei suoi stupendi paesaggi, dei suoi mari e dei bellissimi monumenti. Tuttavia quando si è appassionati di viaggi, o si è alla ricerca di un’avventura diversa dal solito, è normale desiderare di fare un’esperienza di vita all’estero, per un periodo più o meno lungo.

Lo so, vivere all’estero puo sembrare una scelta difficile e spaventosa ma ha dei risvolti molto interessanti e sarà un’esperienza che non potrai mai più dimenticare.

Come faccio a saperlo?

Semplice, a 18 anni avevo già deciso di trascorrere almeno un mese all’estero e in seguito ho avuto la possibilità di vivere per due anni a Parigi. Infine, dopo tre anni di nuovo in Italia, ho deciso di tornare a vivere in Francia, prima nella piccola città di Caen e adesso nella bellissima capitale francese.

Vuoi saperne di più?

In questo post ti racconto la mia esperienza da expat, le ragioni che mi hanno spinta a vivere all’estero e perché lo consiglio a tutti i miei amici.

Si parte!

Indice degli argomenti

1 – Vivere all’estero ti renderà più flessibile

Vivere all’estero ti renderà più flessibile e più adattabile verso ogni genere di situazione semplicemente perché dovrai adeguarti a qualcosa di diverso da ciò a cui sei abituato. Uscirai dalla comfort zone e quindi, inevitabilmente, crescerai.

Dalla lingua alla cucina, dalla mancanza di bidet al modo di vestire… tutto all’inizio ti sembrerà diverso, ma ti adatterai.

L’essere umano si adatta a qualunque situazione e scoprirai che riuscirai a cambiare abitudini, a ritrovarti una routine. Andrai oltre i tuoi limiti e cercherai soluzioni per adeguare le situazioni ai tuoi bisogni. Imparerai, progredirai e diventerai più forte e consapevole delle tue capacità.

2 – Vivere all’estero ti metterà alla prova

Vivere all’estero ti metterà alla prova tutti i santissimi giorni, soprattutto all’inizio. Magari per cose stupide che in Italia consideriamo banali, come quando hai voglia di preprare una pizza e scopri che il lievito di birra non si trova da nessuna parte.

Come il coraggio di rispondere al telefono e sapere che capirai poco o niente di quello che ti diranno. Come il terrore di compilare dei documenti nel tuo paese ospitante, leggendo e rileggendo all’infinito per essere sicuro di quello che stai per firmare.

E queste tre cose mi sono successe solo nell’ultima settimana.

Ci sono dei giorni in cui mi domando chi me lo abbia fatto fare di lasciare l’Italia e vivere in Francia, poi vado avanti e capisco che in realtà mi sta bene così. Sono più felice, mi sento più viva.

Dovrai tenere duro, contare solo sulle tue forze e, quando ti sembrerà di non farcela, continuare ad andare avanti. Ti sentirai solo, perché magari non conoscerai nessuno, ti sentirai male e non saprai chi chiamare, piangerai e non ci sarà nessun amico da cui andare per fare due chiacchiere. E sarai costretto a cercare una soluzione, ad andare oltre i tuoi limiti. A conoscere nuove persone.

Eh si, alla fine troverai anche il lievito per la pizza… ma non prima di aver girato per almeno una decina di supermercati.

Chi la dura la vince.

troyes-Elisa

3 – Conoscerai nuove persone e nuovi modi di vivere

Le persone che incroci in viaggio ti sembreranno provenire da un altro universo ma gli amici che incontrerai durante un’esperienza all’estero diventeranno la tua “famiglia” in quel posto. Scoprirai storie e passati uguali e opposti al tuo. Ascolterai e racconterai. Organizzerai serate pasta alla carbonara per insegnargli la vera ricetta e poi serate di cucina tipica del tuo nuovo amico.

Sentirai parlare bene e male del tuo paese e, se hai incontrato persone intelligenti, vi divertirete a distruggere i pregiudizi che avete gli uni sugli altri, o a confermarli e riderci su. Scambierai esperienze, pensieri e ricordi e ne costruirai di nuovi insieme.

Uscire dalla comfort zone è anche questo, conoscere persone con passati diversi, abitudini diverse, idee diverse e, talvolta, farle proprie.

serata a caen

4 – Imparerai nuove lingue

Vivere all’estero vuol dire fare i conti con una lingua che non è la tua, ogni giorno. Per quanto tu possa averla studiata bene non capirai mai tutti i doppi sensi, le espressioni e le battute che ti faranno le altre persone.

Sì, in un primo momento sarà frustrante, ma ti servirà a migliorare, ad imparare nuove parole, nuove espressioni.

Vuoi un consiglio?

Fai delle figuracce, fanno parte dell’esperienza. Anche quelle ti renderanno più forte e più consapevole. Buttati, è l’unico modo per imparare.

A volte ti sentirai come un bambino, incapace di esprimerti correttamente ma cambierà per sempre il tuo modo di approcciarti agli stranieri che proveranno a parlare la tua lingua. Se sarai preso in giro, imparerai a non prendere in giro gli altri per il loro accento e ad avere rispetto e consapevolezza degli sforzi che richiede parlare una lingua non tua.

Se questa cosa della lingua ti spaventa ti racconto la nostra esperienza a Parigi!

Quando abbiamo deciso di partire io parlavo già abbastanza bene il francese perché lo avevo studiato a scuole e approfondito in seguito. Andrea invece era completamente a zero ed anche il suo inglese zoppicava.

Francamente ero terrotizzata!

Beh, siamo arrivati a Parigi il primo luglio ed a settembre non solo parlava correttamente la lingua ma aveva anche trovato lavoro e vinto una borsa di studio per un master in una scuola privata. Non so come abbia fatto, la sua capacità di apprendere velocemente mi stupisce ogni giorno, ma in poche settimane è riuscito a fare una cosa incredibile.

Ecco, vivere all’estero di metterà difronte a sfide di questo genere e farà venire fuori non solo il tuo carattere, ma soprattutto la tua voglia di farcela.

Ma c’è di più.

Si dice che parlare più lingue significhi vivere molte vite, e ti posso assicurare che è esattamente così! Parlare una lingua diversa ti aprirà a dei nuovi concetti perché ci sono parole intraducibili nelle altre lingue così come in certe forme dialettali.

Da romana posso dire che un “daje” puo essere positivo quanto ironico, un’incitamento quanto una minaccia. Daje non è traducibile davvero in italiano, figurati altre parole di altre lingue, espressioni di culture diverse!

vivere all'estero -elisa alla defence

5 – Vivere all’estero ti aprirà la mente

Tutti i grandi viaggiatori lo sanno: viaggiare apre la mente. Ti aiuta a capire, accettare ed apprezzare cio che è diverso da te. Ti rende più tollerante, più aperto alle novità, più intraprendente.

Vivere all’estero è esattamente questo.

Imparerai tantissimo sulla vita del posto, su usi, feste, piatti tipici… un bagaglio di tradizioni, da confrontare con quelle a cui sei abituato. Ti arricchiranno, ti apriranno la mente.

Imparerai che ci sono altri modi di vivere, incontrerai persone diverse, con bagagli culturali diversi. Assaggerai cose nuove, ti butterai in nuove esperienze. Capirai che tutti i pregiudizi che hai sulla cultura che ti sta ospitando non sono veri, solo alcuni. E ti verrà da ridere. Perderai i tuoi punti fermi e te ne creerai di nuovi.

Ti farà paura all’inizio, ma poi capirai che fa parte della vita, dell’esperienza e che è bellissimo perché siamo fatti per cambiare, non per rimanere sempre identici a noi stessi. Andare a vivere all’estero è un salto nel vuoto a volte, sai quello che lasci ma non sai quello che trovi.

Ed è proprio questo il bello!

Il bello è quello che troverai. Il bello è quando tornerai nel tuo posto d’origine e preparerai ai tuoi vecchi amici un piatto che non hanno mai assaggiato e gli spiegherai quali sono le differenze, come hai imparato a cucinarlo. Porterai quello che imparerai sempre con te, dentro.

petit palais a parigi

6 – Capirai che il concetto di “casa” è molto relativo

Cos’è che chiami “casa”?

Cos’é per te “casa”?

Quando avevo 17 credevo che ovunque sarei andata, per me casa sarebbe stata sempre l’Italia. Ora non la penso più così. Quando viaggio chiamo casa il posto in cui dormo. Se dico “torniamo a casa” può voler dire “torniamo in hotel, in campeggio, in camper, nell’appartamento”.

Casa è dove dormo.

Casa è dove ci sono le persone che amo.

Quindi per me casa è Roma, è Berlino, è Caen, è l’Umbria, è Parigi ed è Colonia.

In tutti questi posti ci ho lasciato pezzi di cuore, ci vivono pezzi del mio cuore e quindi sono “casa”. Quando ci penso dentro di me, sento di avere una casa in molti posti.

A volte è un po’ frustrante, a volte è solo bello.

casa

L’importanza di fare un’esperienza all’estero sin da giovani

Ho capito l’importanza di fare un’esperienza all’estero a 16, quando una mia compagna di classe passò sei mesi in Nuova Zelanda. Quando tornò parlava benissimo inglese ed era… cambiata. In meglio, intendo.

Mi ha raccontato quello che aveva fatto laggiù, quello che aveva visto, le esperienze che aveva vissuto. Per i miei 18 anni chiesi ai miei genitori di passare un mese a Parigi per studiare francese.

Beh, quel mese mi ha cambiato la vita.

Fare un’esperienza di vita all’estero per un adolescente potrebbe essere la cosa più formativa che abbia mai fatto. Ho imparato più in quel mese a Parigi a 18 anni che in mesi e mesi sui libri.

Non solo ho perfezionato il francese, ma ho anche incontrato persone da ogni angolo del mondo che mi hanno permesso di migliorare l’inglese, ho visitato monumenti, musei e posti che probabilmente mi hanno convinta, l’anno dopo, ad iscrivermi a storia dell’arte.

Quello che ti consiglio è di partire finché sei giovane, anche giovanissimo e senza amici con cui parlare italiano. Non sono ancora madre, ma sono convinta che quando avro un figlio lo spedirò a fare tutte le esperienze di vita all’estero che vorrà. Fai un anno scolastico all’estero, fai l’Erasmus all’università, fai un anno di studio o di lavoro altrove, fallo perché sarà dura, sarà difficile, ma poi sarà una delle scelte migliori che tu abbia mai fatto e ti aiuterà per sempre nella vita.

La mia amica che è andata in Nuova Zelanda al liceo ora parla 4 lingue, si è laureata in Danimarca, vive a Berlino ed ha viaggiato tutto il mondo. Si adatta ad ogni situazione, ha amici sparsi ovunque ed è una delle persone più incredibili che conosca.

elisa estero 2007

Fare un anno scolastico all’estero

Durante la mia carriera scolastica non ho avuto la possibilità di trascorrere un vero anno scolastico all’estero ma ho avuto la fortuna di partecipare ad uno scambio culturale, ed è stata una delle sperienze più belle della mia vita.

Ho conosciuto uno dei miei migliori amici, con cui ho girato mezza Europa e che, a distanza di anni, continua ad essere parte della mia vita.

Ma come fare questa esperienza?

Il modo più semplice per vivere un’esperienza all’estero fin dalle scuole superiori, senza attendere l’età giusta per l’Erasmus, è di affidarti ad alcuni professionisti che si occupano proprio di organizzare periodi di inserimento in high schools estere. Potrai partire per un trimestre di liceo all’estero, come anche per un intero anno scolastico, senza paura di perdere l’anno in Italia, perchè sono esperienze riconisciute dal Miur.

Ti consiglio quindi di visitare questo sito www.annoallestero.it dove troverai tutte le informazioni necessarie per fare un anno scolastico all’estero.

vivere all'estero albero Parigi

Perché fare un’esperienza all’estero

Ciascuno ha i suoi motivi e sono tutti validi. Magari per cambiare aria, per mettersi alla prova, o anche solo cercare condizioni di vita migliori. Magari per amore o per curiosità, magari perché semplicemente si ha il desiderio di provare qualcosa di nuovo.

Tutte le ragioni vanno bene e fare l’esperienza di vivere all’estero sarà sicuramente formativo.

In altre parole ti cambierà, in un modo o in un altro. Già i viaggi ci cambiano perché ci mostrano cose, concetti, sapori, oggetti che non conoscevamo. Se siamo persone intelligenti capiremo qualcosa, ci arricchiremo e porteremo questo bagaglio di esperienze con noi.

A me è bastato andare a vivere in Francia, una cultura vicinissima a quella italiana, per capire e cambiare tantissime cose nella mia vita.

visuale di parigi da notre dame

La mia esperienza all’estero

Vivere all’estero non è tutto rose e fiori. Ci sono aspetti positivi e aspetti negativi. Un sacco di burocrazia da affrontare, le complicazioni di fare un trasloco internazionale, di costruirsi una nuova vita.

Io ho vissuto a Parigi due anni per i miei studi e poi sono tornata in Italia. Tornare non era nei miei piani ma per ragioni di famiglia è andata così. Appena ho potuto sono ripartita per vivere sei mesi a Caen e poi ho deciso di tornare a Parigi.

Ora non so dove mi porterà il mio lavoro ma, ovunque sia, mi sta bene. Penso che vivere all’estero sia una delle esperienze più formative ed utili per me. Se avessi avuto il coraggio sarei partita molto prima, già al liceo.

vita a parigi

Commenti

Questo è quello che ho capito io vivendo all’estero, studiando e lavorando in un altro paese. Tu cosa ne pensi? Hai già fatto questo tipo di esperienza? Ti piacerebbe vivere all’estero?

Se hai domande o voglia di raccontare la tua esperienza, non esitare a scrivere nei commenti!

Non vedo l’ora di conoscere la tua storia.

Elisa

Elisa

Ciao, io sono Elisa! Sono una storica dell’arte e travel blogger. Ho uno spirito nomade e adoro viaggiare per scoprire posti nuovi, scrivere e vivere nuove esperienze! Dal 2012 ho creato arttrip.it per condividere le mie esperienze di viaggio con tutti voi.

Lascia un commento

TROVA HOTEL AL MIGLIOR PREZZO

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email