Tuscania è la città ideale per scoprire la storia dagli antichi etruschi fino al Medioevo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Se stai pensando di fare una gita fuori da Roma ti consiglio di prendere l’auto e recarti nel viterbese alla scoperta della bellissima Tuscania.

Questo piccolo paesino si trova nella parte settentrionale del Lazio, nei pressi del lago di Bolsena. La zona di Tuscania è caratterizzata da 7 colli di roccia tufacea molto caratteristici in questa zona. Ne sono un bellissimo esempio la splendida Civita di Bagnoregio, Sorano e Pitigliano.

Ma cos’ha di tanto particolare Tuscania? Te lo racconto subito!

Si parte!



Indice degli argomenti

Origine di Tuscania

Oggi Tuscania ci appare come un piccolo borgo dalle caratteristiche fortemente medievali. Tuttavia questo territorio ci ha lasciato tracce di un passato molto più antico.

I primi abitanti fondarono la città di Tuscania nel 1000 a.C. circa. La sua vicinanza con Tarquinia ha influenzato moltissimo le tradizioni e la cultura di tutta la zona. Basti pensare che anche nel territorio di Tuscania sono frequenti (e ancora visitabili) le tombe a dado e semi dado, caratteristiche proprio di questa zona. Gli etruschi abitarono questa parte del lazio per secoli per integrarsi e fondersi poi con i romani.

Solo nel periodo romano divenne un importante centro di scambi commerciali e di controllo su tutto il territorio del viterbese soprattutto con la costruzione di una delle vie consolari più importante, la Via Clodia.

É nel primo medioevo che iniziarono ad essere costruite due delle principali chiese, poi ampliate nei secoli successivi, quando Tuscania divenne un importante Comune dell’Italia centrale.

Proprio di questo periodo storico rimangono ancora oggi a Tuscania i resti più evidenti.

visitare tuscania

Santa Maria Maggiore

Vuoi scoprire cosa vedere a Tuscania?

Sicuramente la bellissima chiesa di Santa Maria Maggiore. La sua struttura, come quella della vicina San Pietro, è un bellissimo esempio di architettura romanica in Italia.

Questa chiesa non è grandissima ma ho trovato molto suggestivi tutti i particolari delle sculture nella facciata e nei capitelli delle colonne delle navate risalenti al VII-VIII secolo.

Ad esempio?

Molto interessanti sono soprattutto il pulpito, la torre campanaria e lo speciale ed inusuale affresco del giudizio universale. Qui il diavolo è ritratto mentre divora alcuni dannati ed “espelle” le loro anime da… sì, proprio da lì!

Perché vale la pena di visitare Santa Maria Maggiore a Tuscania?

Oltre ad essere la prima basilica di Tuscania, Santa Maria Maggiore è unica perché conserva ancora una fonte battesimale ad immersione del XIII secolo, perfettamente conservata.

La facciata della chiesa richiama quella di San Pietro con uno splendido rosone e una loggetta sottostante, ma non c’è il timpano a coronamento della parte centrale.

Ovviamente, vista la conformazione geologica della zona, il tufo è l’elemento costruttivo più importante.

visitare tuscania

San Pietro a Tuscania

La chiesa di San Pietro a Tuscania è una costruzione gigantesca in cima alla collina, con una magnifica facciata Romanica ed una cripta altrettanto ben conservata. Si tratta del monumento più importante della città di Tuscania e uno dei più suggestivi che abbia visitato in Italia.

La parte che mi ha colpito di più è stata il suo enorme rosone bianco, con decorazioni musive di derivazione “cosmatesca” e tutte le sculture attorno raffiguranti i 4 evangelisti.

All’interno di San Pietro a Tuscania troverai moltissimi elementi di reimpiego di antiche strutture romane ed un pavimento cosmatesco molto bello. Ti consiglio assolutamente di scendere nella cripta, semplice e bellissima!

Ma non è finita qui!

Nel XII secolo infatti il colle su cui sorge San Pietro divenne una rocca fortificata e sorsero intorno alla chiesa alcune torri di avvistamento. Due di queste sono ancora visibili.

Nel giardino di fronte la chiesa invece potrai notare le rovine del palazzo episcopale al lato, ed alcuni archi dell’entrata.

Io l’ho trovato un punto perfetto per scattare delle foto.

visitare tuscania

Necropoli della Peschiera: la tomba del Dado

La tomba del Dado fa parte della Necropoli del Peschiera e il suo nome deriva da due elementi che la contraddistinguono.

La prima è data dalla tipica forma delle tombe di questa zona.

La Tomba del Dado è costruita a forma di casa e con tetto a spiovente. Ma forse il vero motivo del suo nome è da ricollegarsi al ritrovamento di un dado d’osso, oggi conservato al Louvre, all’interno delle sue mura.

Perché è così importante?

Nonostante possa apparire molto semplice, la Tomba del Dado è in realtà un piccolo capolavoro di architettura etrusca perché interamente scavata nel tufo su tutti e quattro i lati, proprio a voler imitare una casa reale.

L’accesso alla tomba del Dado è gratuito ed è possibile addirittura entrare all’interno, tramite delle gradinate laterali. All’interno ci sono 3 camere di cui una veniva usata come vestibolo, mentre le altre due per la sepoltura vera e propria.

Entrando nella Tomba del Dado fai attenzione soprattutto ai particolari: sui letti dei defunti sono stati scolpiti addirittura i cuscini.

visitare tuscania

Il porto di Marta

Se hai voglia di continuare il tour in questa zona ecco cosa puoi ancora visitare.

Non molto lontano, nella città di Marta, c’è un piccolo porto molto caratteristico in cui si può godere di un bellissimo panorama.

É il posto ideale per fare una passeggiata ma anche per fermarsi a mangiare un boccone.

visitare tuscania

Come arrivare a Tuscania

Tuscania si trova a solo 18km da Viterbo, nel nord del Lazio.

Per arrivare a Tuscania da Roma ti basterà prendere l’Autostrada A12 Roma Civitavecchia per poi seguire sulla via Aurelia fino a Tarquinia. Se preferisci prendere le strade secondarie e non pagare il casello, puoi arrivare a Tuscania prendendo la Cassia fino a Vetralla per poi seguire le indicazioni per Tuscania.

Se invece non sei a Roma, per arrivare a Tuscania prendi come riferimento l’A1 ed esci al casello di Orte. A questo punto prosegui fino a Viterbo per poi seguire le indicazioni per Tuscania.

Non ti piace guidare? Preferisci prendere i mezzi pubblici?

Puoi arrivare a Tuscania con il treno fino a Viterbo o a Tarquinia e poi un bus fino alla città.

visitare tuscania

Commenti su Tuscania

Hai qualche altro luogo da suggerirmi in questa zona del Lazio? Hai bisogno d’aiuto per visitare Tuscania?

Scrivi pure nei commenti qui sotto se questo post ti è piaciuto o se vuoi che approfondisca alcuni aspetti.

Ti risponderò al più presto!

Potrebbe interessarti anche

Elisa Di Agostino

Elisa Di Agostino

Ciao, io sono Elisa! Sono una storica dell’arte e travel blogger. Ho uno spirito nomade e adoro viaggiare per scoprire posti nuovi, scrivere e vivere nuove esperienze! Dal 2012 ho creato arttrip.it per condividere le mie esperienze di viaggio con tutti voi.

Lascia un commento