Cosa vedere a Pisa: i 5 luoghi meno conosciuti della città

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

E’ impossibile parlare di Pisa senza far riferimento alla sua caratteristica torre pendente. Ma questo incredibile campanile è solo uno dei bellissimi monumenti che questa bella città della Toscana è capace di offrire.

Esattamente nello stesso luogo in cui si trova la Torre, puoi trovare i principali monumenti di Pisa ovvero il Duomo, il Battistero ed il Campo Santo. Tutti questi monumenti si trovano all’interno del famosissimo Campo dei Miracoli!

Ma Pisa possiede delle altre meraviglie artistiche che la rendono una delle città più belle d’Italia.

Passeggiare per il centro storico di Pisa ti riporterà indietro nel tempo, in un periodo in cui questa repubblica marinara controllava gran parte del Mediterraneo.

Oltre ad essere un luogo d’arte, Pisa è anche una città molto giovanile e dinamica grazie grazie alla presenza di una delle università migliori d’Italia.

In questo post ti racconto la mia esperienza e ti spiego cosa vedere a Pisa se vuoi percorrere un breve percorso storico artistico alla scoperta dei luoghi meno conosciuti di questa bellissima città.

Cosa vedere a Pisa tra storia e arte

La storia di Pisa è millenaria: già abitata dagli etruschi, fu poi città romana ed importante snodo commerciale. Nel medioevo divenne una delle più importanti città d’Europa: dall’XI secolo fu una repubblica marinara, e basò la sua fortuna sui commerci marittimi.

Pisa si scontrò a più riprese con le flotte saracene ed arrivò a controllare vasti territori con possedimenti in Sardegna, Sicilia e Corsica.  All’epoca aveva un porto alla foce dell’Arno ed era molto più vicina al mare di quanto non lo sia ora.

Il declino di Pisa arrivò poi nel XIII secolo dopo la battaglia della Meloria e lo scontro con la repubblica di Genova, a causa del perse territori e prestigio.

Cosa vedere a Pisa oltre alla torre

A cosa pensi quando ti chiedono cosa vedere a Pisa? Ovviamente tutti pensiamo alla torre pendente, dimenticando le altre bellezze di questa città.

A partire dal battistero, la cattedrale e il camposanto, che completano la Piazza dei Miracoli, si può continuare con il museo dell’opera del Duomo, il museo delle sinopie e altre chiese come San Paolo a Ripa d’Arno, o la splendida Madonna della Spina.

Se vuoi scoprire davvero cosa vedere a Pisa, continua a leggere!

La Madonna della Spina sui Lungarni di Pisa

Pisa è molto famosa per la bellezza dei suoi Lungarni: le due vie che costeggiano il fiume Arno. Oltre ad essere un punto di ritrovo per le serate pisane, i Lungarni di Pisa ospitano importanti edifici medievali, a volte trasformati e rimaneggiati nel corso dei secoli.

Proprio sul Lungarno Gambacorti si trova un piccolo gioiello, una delle chiese che devi assolutamente visitare a Pisa. Si tratta della Madonna della Spina. Questa deliziosa chiesetta fu costruita da una famiglia nobile nel 1230, sulle rive dell’Arno. Il nome Spina deriva da una reliquia della corona di spine che indossava Gesù, qui custodita sino al XIX secolo.

Questa chiesa è uno dei più begli esempi di stile gotico in Italia, grazie alla splendida decorazione realizzata tra il 1323 e il 1376 sotto la direzione di Andrea e Nino Pisano. Il tetto è ricoperto di cuspidi, tarsie, rosoni e sculture dei più grandi maestri pisani del XIV secolo come Lupo di Francesco, Andrea e Nino e Giovanni di Balduccio.

L’edificio fu restaurato a più riprese a causa del cedimento del terreno ma alla fine la chiesa venne interamente spostata e riedificata nel 1871, sotto la direzione di Vincenzo Micheli.

Noi l’abbiamo trovata chiusa, ma posso assicurarvi che l’effetto è stato magnifico: sembra un piccolo scrigno prezioso posto accanto all’Arno!

San Paolo in Ripa d’Arno

Pisa è una città magnifica e molto curata, fatta eccezione per una chiesa, San Paolo a Ripa d’Arno. Questo maestoso edificio era il luogo di culto più importante della città, almeno fino alla costruzione della Cattedrale di Pisa.

Ad attirare l’attenzione è dapprima la cappella di Sant’Agata, che sembra un enorme cappello di fata dimenticato in un prato. La cappella risale al 1060 circa e fu costruita per celebrare la vittoria di Pisa su Palermo. Ha una pianta ottagonale in semplici mattoni, invisibile all’esterno perché inglobata in un chiostro sino ai bombardamenti del 1943.

Non ci si aspetta che dietro questo piccolo edificio ci sia una basilica incredibilmente bella, le cui origini risalgono addirittura al 925.

Purtroppo le condizioni in cui versa San Paolo a Ripa d’Arno sono pessime: l’erba cresce incolta sul tetto della cappella di sant’Agata come sulle intercapedini degli antichi muri della facciata. La chiesa è protetta da alcune recinzioni “protettive” che ne seguono tutto il perimetro rendendola, purtroppo, non visitabile.

I campanili a Pisa

Forse non ne ari a conoscenza ma oltre alla famosa Torre, Pisa possiede ben altri due campanili pendenti: anche il campanile della chiesa di San Nicola e della chiesa di San Michele degli Scalzi infatti hanno una notevole pendenza.

Questi due campanili appartengono entrambi a due  chiese medievali, sorte nel XIII secolo, e presentano problemi strutturali dovuti alla conformazione del terreno che ha fatto affossare parte delle strutture rendendole “pendenti”.

Sorprendente, vero?

Piazza dei Cavalieri a Pisa

Se vuoi sapere cosa vedere a Pisa non posso dimenticare Piazza dei Cavalieri, con il suo Palazzo della Carovana, sede della Scuola Normale Superiore. Il palazzo fu eretto su disegno di Giorgio Vasari nel 1652 e la sua facciata è molto articolata e particolarissima. Sempre sulla stessa piazza si trova la chiesa di Santo Stefano.

La Piazza dei Cavalieri a Pisa è stata per secoli il luogo del potere civile cittadino, anche se oggi è soprattutto un luogo culturale e di studio.

Proprio qui accanto si trova anche il Palazzo dell’Orologio, un edificio medievale in cui fu incorporata la “torre della Fame” dove nel 1289 morì il Conte Ugolino Della Gherardesca con i figli e nipoti (se hai letto la Divina Commedia sicuramente ti ricorderai della sua triste storia).

Altri tesori da vedere a Pisa

Se sei appassionato di botanica, ti consiglio di visitare lorto e museo botanico di Pisa.

Costruito nel 1544, oggi è oggi parte della facoltà di biologia con annesso il museo che è visitabile dalle 9 alle 19: non lascia di certo delusi grazie alla sua bellezza e varietà di vegetazione in ogni stagione.

Commenti su Pisa?

Ecco cosa vedere a Pisa secondo me! Se esplori questa bellissima città, non ti fermare solo a fare le foto alla torre pendente, concediti una passeggiata alla scoperta dei suoi tesori!

Hai altri monumenti da consigliarmi? Scrivimi qui sotto nei commenti!

Potrebbe interessarti anche

Elisa Di Agostino

Elisa Di Agostino

Ciao, io sono Elisa! Sono una storica dell’arte e travel blogger. Ho uno spirito nomade e adoro viaggiare per scoprire posti nuovi, scrivere e vivere nuove esperienze! Dal 2012 ho creato arttrip.it per condividere le mie esperienze di viaggio con tutti voi.

Lascia un commento