Giovanni Boldini, il pittore della belle époque

L’amore per le donne in 12 ritratti dalla mostra del Vittoriano a Roma

Eda, Storica dell’arte

Giovanni Boldini rappresenta uno degli esempi più belli di innovazione artistica alle porte del ventesimo secolo.

Non si limita al ritratto ma sembra voler catturare la vera essenza dei suoi soggetti.

Ho visitato l’esposizione di Boldini al Vittoriano di Roma, ti racconto qui la mostra e la vita dell’artista. Sapevi che è stato uno dei pittori più richiesti tra l’aristocrazia della Belle Epoque.

Vuoi saperne di più su Boldini? Continua a leggere!

Mostra Giovanni Boldini al Vittoriano

Proprio la scorsa settimana ha aperto a Roma l’esposizione su Giovanni Boldini al Vittoriano. Non ho perso tempo e sono andata subito a visitarla. Il prezzo del biglietto all’entrata mi è apparso un po’ alto ma mi sono dovuta ricredere molto presto. La vastità dell’esposizione su Boldini, la bellezza delle opere esposte e la qualità del percorso espositivo valgono tutti e 14 gli euro di entrata.

E’ un viaggio nella vita di questo pittore ma anche nella belle époque, un periodo che mi ha sempre affascinata. Ma soprattutto è un viaggio nell’universo femminile, ritratto da una sensibilità che esalta la bellezza ed il movimento di queste ragazze di tanti anni fa.

Ma Boldini è stato molto di più di un semplice ritrattista.

Giovanni Boldini, autoritratto a 69 anni

Chi era Giovanni Boldini

Boldini fu pittore italiano vissuto tra il 1842 e il 1931. Fu iniziato agli studi d’arte dal padre, ebbe una carriera che lo rese famosissimo in tutta Europa e il più importante pittore italiano della belle époque. 

Ma la vera particolarità di Boldini sono i ritratti dedicati alle donne.

Boldini, Place de clichy

Boldini e lo sconfinato amore per le donne

Il suo punto debole furono sempre le donne: alto poco più di 1.50 m, amava il lusso della classe aristocratica e le belle ragazze che affascinava con la sua personalità. Le donne furono tra i suoi soggetti preferiti.

Molti dei suoi dipinti raffigurano ritratti femminili, con vestiti eleganti e alla moda, simbolo di un’emancipazione che osava sempre di più.

Nella sua vita sentimentale ci furono tante storie d’amore, burrasche e colpi di scena: si sposò solo nel 1926, all’età di 84 anni.

Una carriera incredibile

Fu amico dei più grandi pittori e intellettuali della sua epoca, venne a contatto con i macchiaioli al Caffé Michelangelo di Firenze, e con gli impressionisti all’Esposizione Universale di Parigi.

Ritrasse due volte Giuseppe Verdi che gli regalò lo spartito dopo la prima dell’Otello.

Boldini è stato probabilmente uno dei pittori più richiesti dalla classe aristocratica. Viaggiò moltissimo in tutta Europa per ritrarre le donne dei personaggi più influenti della sua epoca.

Visse in Italia, Inghilterra e Francia, morì a Parigi, dove aveva il suo studio.

I suoi quadri si distinguono per il suo stile unico, ne parlo qui sotto!

Lo stile di Giovanni Boldini

Nei suoi quadri si ammirano la freschezza dei colori, le figure vibranti e l’idea del continuo movimento. I personaggi delle sue opere vengono raffigurati come se fossero foto scattate durante l’azione.

Le sue figure femminili sono sicure di sé, forti e determinate ad affermarsi nella vita e nella società.

Dai suoi ritratti emergono le personalità stesse dei soggetti. Determinazione, dolcezza, civetteria o forza d’animo: ogni sua tela è uno studio dell’essere umano.

Volete ammirare le sue tele? Adesso vi dico dove trovarle.

Dove ammirare le opere di Boldini

Dal 4 marzo al 16 luglio 2017 moltissime opere di Boldini possono essere ammirate alla mostra del complesso del Vittoriano a Roma.

Potete trovare alcune sue opere a Roma, presso lo GNAM, al museo Giovanni Boldini di Ferrara, al palazzo dei Vescovi a Pistoia e a Palazzo Pitti a Firenze.

Ritratto di Giuseppe Verdi

Il marchese Buoncompagni

Ciao, mi chiamo Elisa e sono una storica dell’arte. Ho uno spirito nomade e adoro viaggiare per scoprire posti nuovi, scrivere e vivere nuove esperienze! Sono fermamente convinta che l’arte vada scoperta, vissuta e divulgata, per questo ho deciso di condividere la mia passione su questo blog.

Storica dell'Arte | Viaggiatrice | Blogger, ARTTRIP.IT

Pin It on Pinterest

Share This