Visitare Madrid e assaggiare i piatti tipici della capitale della Spagna

Cosa visitare, cosa mangiare e cosa fare a Madrid

Eda, Storica dell’arte

La capitale della Spagna è una grande città ricca di storia e di attrazioni da scoprire.

Ho raccolto in una piccola guida e qualche spunto interessante per visitare Madrid ed assaggiare le prelibatezze culinarie che mi sono piaciute di più.

Partendo dalla storia, percorrendo le sue piazze più famose, entrando nei suoi musei e scoprendo la sua cucina…

La storia di Madrid

Madrid è una città antichissima abitata sin dalla preistoria. Il suo ingrandimento decisivo avvenne solo  nel 1561 quando il re Filippo II decise di stabilirvi la sua capitale.

Il primo insediamento reale risale a molto tempo prima quando, nell’865 d.C. Muhammad I ibn ʿAbd al-Raḥmān, vi fece costruire un palazzo fortificato. Sullo stesso luogo sorge oggi il Palacio Real.

La sua posizione al centro della Spagna ne fece area di frequenti scontri tra Cristiani e Musulmani.  Nel 1085, Alfonso IV di Castiglia, libero’ la città dalla dominazione araba.

Nei secoli si sono succedute costruzioni di bellezze architettoniche e crudeli distruzioni portate dalle guerre. Le truppe napoleoniche, la guerra civile e il dominio del generale Franco non hanno di certo aiutato la città. Negli ultimi decenni Madrid si è imposta come capitale giovane, centro di cultura ed arte.

L’orso e il corbezzolo, simboli di Madrid

I musei di Madrid da visitare assolutamente

Proprio negli ultimi decenni si è inaugurato uno dei più grandi musei di arte contemporanea in europa, il Reina Sofia. Si è aggiunto alla già lunga lista dei bellissimi musei della capitale spagnola. Immancabili il Prado, il Museo Thyssen-Bornemisza e il museo archeologico nazionale.

Entrata del museo el Prado Madrid

I parchi più belli di Madrid

Tra i numerosi parchi di Madrid è impossibile non fare una passeggiata al parque El Retiro ed al giardino botanico poco distante. Bellissimi anche ai giardini del Campo del Moro, accanto al palazzo reale e ai jardines de Sabatini.

Monumento ad Alfonso XII al parco del Buen Retiro

Parco de el retiro

Fontana al parco El Retiro

Una visita alle chiese più importanti di Madrid

Tra le più importanti architetture religiose di Madrid c’é la cattedrale de Almuneda voluta da Carlo I nel XVI secolo. Fu costruita solo nel 1883 ed inaugurata nel 1993 da Papa Giovanni Paolo II.

La chiesa di Sant’Isidro, che ospita le reliquie del patrono di Madrid, ne fu per tanti secoli la cattedrale provvisoria. Questa chiesa risale al XVII secolo ed è costruita nel tipico barocco spagnolo cosi come le chiese di San Marcos e San Miguel.

Altra chiesa interessante è San Francisco, eretta sul luogo leggendario dove riposo’ il santo quando si fermo’ a Madrid durante il suo pellegrinaggio verso il santuario di Santiago de Compostela.

Il giudizio universale

Scoprire Madrid partendo dalle sue piazze più belle

Un modo interessante per visitare Madrid è fare una passeggiata attraverso le sue piazze storiche per riprercorrerne i secoli e le vicissitudini, scoprirne i segreti e le leggende.

Plaza Mayor, puerta del Sol, plaza de Cibeles, plaza de Espana e plaza de Colon sono solo alcune delle grandi piazze madrilene che vale la pena visitare.

Plaza de la cibeles, Madrid

Gustarsi Madrid, i piatti tipici e lo street food low cost

Madrid è una città vivace e piena di bar e ristoranti che servono specialità del luogo. Non si hanno difficoltà a trovare il posto giusto per mangiare un boccone.

Le tapas sono una delle tradizioni culinarie spagnole più gustose e sfiziose, consistenti in piccoli antipastini da mangiare con un bicchiere di vino, di sangria o di birra. Potrete gustarle in piedi o seduti su piccoli sgabelli. Se ci sono tavoli e volete sedervi, non aspettatevi tovaglie o bicchieri di cristallo, a meno che il cameriere non si innamori improvvisamente di una vostra amica come è capitato a me!

Una catena di ristorantifast food” eccezionale è 100 montaditos, in cui si servono piccoli panini con offerte la domenica e durante la settimana, che permettono di gustare un panino a un euro. I gusti sono i più vari, é un’idea per un pasto veloce e simpatico tra una visita e l’altra. La paella non é un piatto tipico di Madrid, meglio assaggiare piatti che comprendano jamon, i fritti di pesce, le albondigas le polpette di pesce o le croquetas di pollo.

I panini con i calamari e le patatas bravas, patate condite con una salsa piccante, sono davvero eccezionali. Non lasciatevi impressionare dall’aspetto di alcuni tapas bar, pieni di fazzolettini per terra: è normale gettare in terra le salviette sporche quindi non é indice di sporcizia ma di una numerosa clientela!

I piatti madrileni che troverete sul menù spiegati passo passo

  • patatas bravas: patate cotte in padella e condite con salsa piccante
  • albondigas: polpettine di pesce
  • croquetas: polpette di pollo o carne con varianti
  • tortilla de patatas: è una sorta di frittata con patate molto gustosa, si trova con altre varianti, con carne, prosciutto, cipolle ecc…
  • bocadillos de calamares: panino con calamari fritti
  • cocido madrileÑo: un po difficile da descrivere, il piatto tipico per eccellenza, stufato di ceci con differenti tipi di carne cotto a fuoco lento (siccome non mangio la carne non l’ho assaggiato ma credo che, se ben cucinato, sia una delizia).
  • gambas al ajillo: gamberi con aglio
  • jamon serrano- jamon iberico: prosciutto tipico
  • tapas bar: semplicemente un bar che serve tapas
  • calamares a la romana: o meglio, calamari fritti
  • chorizo: salsiccia stagionata con paprica
  • morcilla: salsiccia morbida di sangue di maiale
  • patatas alioli: patate con salsa aioli, una salsa all’aglio che ho imparato ad amare in Francia (ma solo per veri estimatori dell’aglio e per chi non è in viaggio con la sua dolce metà da sbaciucchiare)
  • boquerones en vinagre: alici marinate
  • churros e porras: uno rigirato e uno dritto, sono lunghe frittelle dolci di farina e acqua che d’inverno si immergono in una tazza di cioccolata calda

Potete trovare un’enorme quantità di dolci tipici nelle pasticcerie del centro, e anche se non sono famosi come altre pietanze, sono buonissimi!

Da bere

cana (1/4 di litro di birra)

  • pinta (1/2 litro di birra)
  • tinto de varano: una bevanda fresca con un basso tasso alcolico, da provare
  • sangria: bevanda a base di vino e frutta, con molte varianti (attenti che va giù come fosse succo di frutta ma poi risale come se fosse vino…)

Spero che questa guida vi sia stata utile, aspetto i vostri commenti!

Montato su tutte le furie, Michelangelo minacciò di lasciare il lavoro incompleto, minaccia che per fortuna non mise in atto.

Potrebbero interessarti anche:

Ricordati di lasciare un commento

Pin It on Pinterest

Share This