Una passeggiata nel più importante polmone verde di Madrid, il parco El Retiro

Alla scoperta dei suoi spazi e dei suoi monumenti più interessanti

Eda, Storica dell’arte

Il parco di El Retiro è uno dei più belli di Madrid.

Al suo interno, oltre ad una grandissima varietà di piante, troverete un laghetto, un roseto e un boschetto commemorativo. Inoltre in questo spazio verde sono ospitate alcune bellissime opere d’arte, come il palazzo di cristallo ed il monumento ad Alfonso XII.

Venite a scoprirli!

La storia del parco del Retiro a Madrid

Uno dei parchi più belli della capitale spagnola è il parco El Retiro, situato non lontano dal museo del Prado e da piazza Cibeles. Era proprietà privata dei re spagnoli sin dal XVII secolo e fu arricchito per questo da statue e fontane. Ospitava anche un palazzo reale che purtroppo andò perduto quando le truppe napoleoniche si stabilirono nel parco nel 1808. Divenne parco pubblico nel 1868.

Fontana nel parco

Il Palazzo di Cristallo nel parco di Madrid

Al suo interno ospita uno spazio espositivo, un monte artificiale, numerosi monumenti e lo splendido palazzo di cristallo. Fu costruito nel 1887 per ospitare l’Esposizione delle isole delle Filippine. Successivamente fu usato come serra  e ora resta solo la magnifica architettura, isolata, presso un piccolo lago.

Il modello fu il palazzo di cristallo di Londra, perso nel 1936 a causa di un incendio.  Questo capolavoro architettonico era al tempo molto all’avanguardia perché costruito in solo ferro e vetro.

Il magnifico palazzo di vetro

L’aneddoto sulla tomba di Giulio II

Tra le altre attività si possono passare piacevoli ore tra papere e cigni, o noleggiare una barca per esplorare il laghetto ed ammirare il maestoso monumento ad Alfonso XII, inaugurato nel 1922. Questa grande struttura celebrativa misura 30 metri di altezza, 86 metri di lunghezza e 58 metri di larghezza. Ogni domenica vi si radunano suonatori di tamburi e giocolieri.

Il monumento e il laghetto

Il bosco degli Scomparsi

All’interno di questo parco si trova anche il Bosque de los Ausentes, il bosco degli scomparsi, inaugurato nel 2005 per commemorare le 191 vittime degli attentati kamikaze del 2004 nella metro di Madrid, ma a anche tutte le vittime di terrorismo in generale. 

Il boschetto commemorativo

La bellissima Rosaleda: 4000 rose

Nel parco El Retiro potete trovare anche il roseto comunale, la Rosaleda, realizzato dal giardinirer Cecilio Rodríguez nel 1915 su modello del roseto di Bagatelle di Parigi.

Attualmente ospita più di 4000 specie di rose ed il periodo ideale per visitarlo è nei mesi di maggio e giugno. In origine questa zona del parco de El Retiro era uno stagno, utilizzato per pattinare sul ghiaccio dai madrileni durante le giornate di inverno in cui ghiacciava.

Alcune rose della Rosaleda

Il vicino Jardin Botanico

Altra attrazione “verde” è senza dubbio il reale giardino botanico, non lontanto dal parco El Retiro. Fondato nel 1755 dal re Ferdinando VI, conta 5000 specie di piante diverse. Persino d’inverno fa sfoggio di una grandissima varietà, immagino la rigogliosità in estate!

Ciao, mi chiamo Elisa e sono una storica dell’arte. Ho uno spirito nomade e adoro viaggiare per scoprire posti nuovi, scrivere e vivere nuove esperienze! Sono fermamente convinta che l’arte vada scoperta, vissuta e divulgata, per questo ho deciso di condividere la mia passione su questo blog.

Storica dell'Arte | Viaggiatrice | Blogger, ARTTRIP.IT

Pin It on Pinterest

Share This