Category

Museums to visit

Category

Are you planning a tour of the Vatican Museums in Rome but you can not decide which sections of the museum you absolutely do not want to miss?

If you want to visit Rome or just live in this magnificent city, you can not miss the appointment with one of the most beautiful museums in the world.

Visiting the Vatican Museums in one day seems like an impossible task. The collection is so vast that we should spend at least 2 or 3 days to be able to see all the works that are stored there.

There are also several online platforms that suggest guided tours of the Vatican Museums, but they are not all the same! I recommend you book tours of the Vatican museums to avoid the risk of staying in line for hours.

In this guide, I’ll explain what is the best tour of the Vatican Museums to be able to see all those masterpieces that you absolutely must not miss.

Ready for this virtual visit? It starts!

A bit of history on the Vatican museums

The first nucleus of the Vatican museums was born from the collection of extraordinary sculptures collected by Julius II, who was pontiff from 1503 to 1513.

This Pope was a great lover of the arts and an important patron. He asked to Michelangelo to paint the ceiling of the Sistine Chapel, and to Raffaello to paint the famous Vatican rooms. Julius II also owes the construction of the new basilica of St. Peter and the beautiful statue of Michelangelo’s Moses that was to decorate his funeral monument never finished.

Some sculptures from his collection are now kept in the octagon courtyard of the Vatican museums and among them, there are some that inspired great artists for centuries. But Julius II was not the only pope lover of art. Over time, other popes collectors contributed to the enrichment of this museum making it one of the most beautiful in the world.

Today there are several sections: the gallery of the Vatican Museums, a section of Egyptian art, one of Roman art, one of Etruscan art, Greek and many others. It is impossible not to mention the beautiful rooms of Raphael and the Sistine Chapel of the Vatican Museums.

Before telling you what is the best tour of the Vatican Museums it should be noted that the architecture itself and the decorations of the building, are themselves a work of great beauty.

Below you will find a selection of the works that struck me the most.

1 – The statue of Lacoonte at the Vatican museums

you can find a copy of this statue in the Uffizi of Florence but the original Lacoonte is right here, inside the Vatican Museums.

The story of Lacoonte is closely linked to the Trojan war: legend has it that when the Trojans decided to bring the famous horse donated by the Achaeans to the city, the Lacoon priest warned his fellow citizens by asking him not to accept the gift of their enemies. Athena then sent two sea snakes to devour the children of the unfortunate who was killed in an attempt to save them. What happened after I think you all know.

But where is the Lacoon?

This scene of the myth is preserved in the octagon courtyard of the Vatican Museums. It is an incredible example of the mastery achieved by the sculptors of ancient Rome, but probably it is a copy of a Greek original.

The group is about 240 cm tall and was built between the 1st century BC and the first century AD. It is thought that the original was bronze and was the work of some of the greatest sculptors of antiquity: Agesandro, Atanodoro and Polidoro.

Incredible, no?

2 – Raphael’s rooms at the Vatican museums

Here is a little anecdote about Raphael’s rooms in the Vatican Museums!

When Pope Julius II decided to decorate his private rooms, he called some of the greatest artists and asked them to paint the walls of four large rooms. But when he saw the paintings of the very young Raphael, he sent away all the others and asked him to continue all the work alone.

Raphael’s rooms in the Vatican Museums are one of the greatest masterpieces of the painter. There are some of the most famous frescos in the world, such as that of the Athens school. The latter is famous because the characters represented as philosophers are actually the most important personalities of the time (I have also spoken here).

In Eliodoro’s room, you can see one of the most beautiful nocturnes painted by an artist. It is on the wall of the window. The light of the moon and the torch reflecting on the armor of the soldiers is perfectly painted.

3 – The pinion of the pinecone courtyard

In the Vatican museums, there are all kinds of Roman art: from statues to mosaics, from sarcophagi to pottery. However, one of the most important and most impressive works is a huge pine cone.

But so … is it just a pinecone?

The so-called “pinion” is 4 meters high and dates back to the 2nd century AD. This bronze sculpture was once a colossal fountain. It was found near the Campo Marzio in the area known as Pigna district, so named after the discovery.

The sculpture was already housed in the courtyard of the ancient basilica of St. Peter’s in the Vatican, then moved to its current location by Bramante in the seventeenth century. The courtyard where it is located is now called the courtyard of the pine cone.

4 – The Sistine Chapel, a masterpiece of the Renaissance

The Sistine Chapel is usually the last stop on the Vatican Museums tour, and is one of the most impressive.

Rivers of ink have been spilled over the Sistine Chapel, and I have also spoken about it in this post. What not everyone knows is that Michelangelo was not the only genius working at this chapel.

The Sistine Chapel was erected by Pope Sixtus IV (hence the name Sistina) in 1475 and was decorated by some of the greatest artists of the period including Ghirlandaio, Perugino, Signorelli, Botticelli and Pinturicchio. They are the authors of the scenes along the walls of the Sistine Chapel. Stop and admire the cycles of stories of the old and the new testament.

The wall that now houses the splendid Universal Judgment of Michelangelo, once had to be decorated with scenes of the birth of Jesus and the life of the Virgin. The vault of the Cappella Sistina instead was painted like a starry sky before hosting the cycle of Michelangelo’s work.

According to some, the measures of the chapel would follow those of the temple of Solomon and the proportions reported in the Bible.

5 – The Stefaneschi polyptych

Giotto was one of the most important artists of the Middle Ages and opened the way to Renaissance art.

One of his masterpieces is kept in the Vatican art gallery. It is a huge triptych in bright colors with a golden background, which on one side represents St. Peter and on the other Jesus. It was destined to act as a division between the clergy and the faithful in the ancient basilica of St. Peter.

The symbolic meanings of the colors my guide explained to me left me speechless! Art really speaks to us on so many different levels.

6 – The torso of the Belvedere

The torso if the Belvedere is a piece of headless statue, without arms and legs.

So what’s so special about it?

This statue bears witness to the importance of Greek sculpture and the way it was received and reworked by the Romans. It is, in fact, an autograph of the Greek Apollonio sculptures in Athens: this work has an incredibly expressive force, despite the mutilations.

It was the object of study and inspiration for Renaissance artists for how the muscles of the back and thighs are sculpted, the way in which anatomy and the position of certain uncommonness are described.

Do not you find that the Christ of the Last Judgment of Michelangelo is portrayed in a very similar position?

7 – The sarcophagus of Sant’Elena

Santa Elena was the mother of Emperor Constantino, the first Christian emperor and, during her lifetime, went in search of the relics of the cross of Christ in Jerusalem.

But why should a sarcophagus be so important?

The sarcophagus of Santa Elena in the Vatican Museums is totally in red porphyry, a very rare marble and among the most precious materials in the world: the quarries of this material were in Egypt and had already been exhausted in the 5th century AD. The purple-red color made it the marble reserved for Roman emperors and their families.

Porphyry is a very hard stone and difficult to work especially with the means of the time. This is why the sculptures on the enormous sarcophagus of Empress Elena are even more remarkable. Furthermore, the glossy color and the sanding make the sculptures look even more alive!

8 – The Pinacoteca of the Vatican Museums

I’ve been to the Vatican Museums at least three times but I’ve never visited the Vatican art gallery. Leaving it is a big mistake because it contains beautiful masterpieces, such as Raphael’s Transfiguration, Giotto’s Polyptych, works by Guercino, Caravaggio, Veronese, Leonardo, Guido Reni, Perugino, Beato Angelico, Filippo Lippi and Bellini.

My favourite?

I fell in love with Melozzo da Forlì and the painting “Sixtus IV names Platina prefect of the Vatican library (1477)”. Already from the photos, you can understand that it is worth to visit these museums even just for the Vatican Art Gallery!

9 – The gallery of geographical maps

This gallery was built at the end of the 16th century and still, today constitutes a very precious document of the geographical knowledge of the sixteenth century.

Along with a corridor from the ceiling, embellished with beautiful colored stucco, are represented the cards of all regions of Italy, its ports and islands.

The particularity of this gallery?

Many cards are depicted as if seen from Rome, and then the maps are turned upside down for the modern observer. You will be impressed by the precision and detail with which even the smallest villages are represented!

Advice for visiting the Vatican museums

I had the privilege of visiting the Vatican Museums with an exceptional guide who explained beautiful works of art from another point of view: Brother Anthony, a tireless art lover, guided me and my friends to discover the religious meaning of some incredible masterpieces, helping us to understand them more deeply.

It was interesting to read under another aspect the masterpieces that I already knew and look at them from a symbolic and religious as well as historical perspective!

Hours of the Vatican Museums

The Vatican museums are open from Monday to Saturday from 9.00 am to 6.00 pm (last entry at 4.00 pm).

To avoid the queue I suggest you book your ticket online or go in the afternoon when there are a lot less people.

It is possible to enter the Vatican Museums for free on the last Sunday of the month. I advise you to go very early in the morning because usually there is already a long queue at the opening!

The British Museum in London is one of the largest museums in the world with a collection of about eight million pieces including exhibits, works of art and books. Its history is very old: it was founded by Sir Sloane in 1753 and then sold to King George II at his death.

The collection of the British Museum has grown over time especially with the nineteenth-century excavations in the countries colonized by the United Kingdom.

The British Museum today hosts collections from all continents. The galleries are divided between the Americas, Oceania, Asia, Africa, Middle East, Europe, Ancient Egypt, and Greco-Roman Antiquities.

Among the many famous and valuable works there are some that then not absolutely lost: here is a short personal list with useful links.

The British Museum in London has a very ambitious goal: to gather testimonies from all the civilizations of the world.

Discover the history of man in ten very significant works!

1 – The Rosetta stone: where the hieroglyphs are discovered

It is not to be admired, it is not even beautiful, but historically it has been of crucial importance at least for the Egyptologists.

Indeed, on this stone, there is a text written in ancient Greek, in Demotic, and in Hieroglyphics. It was found in 1799 and the hieroglyphs until then were only mysterious symbols combined. Thanks to this stone we are able to understand the hermetic language of ancient Egypt.

If it was a Frenchman to find the Rosetta stone and make it study, it was the English who took possession of it after the conquest of Egypt. That is why today it is in the British Museum.

Thank you, Rosetta’s stone!

2 – Friezes of the Parthenon at the British Museum

Monumental and beautiful, are the sculptural groups that once decorated the gables of the Parthenon on the Acropolis of Athens. They were brought to England in the nineteenth century and Greece has been asking for their return for years.

These huge statues were carved in 440 BC. from Fidia, one of the greatest sculptors of antiquity. Today they are all white but once they were completely colored and had to look really alive! These sculptures mark the peak of classical art.

In the same room, there are also the friezes and metopes of the Parthenon, also splendid.

I love it… and you?

3 – The section on ancient Egypt

The collection of Egyptian artifacts from the British Museum is the third largest in the world. The first is obviously that of Cairo followed by the beautiful Egyptian Museum of Turin.

There are many mummies, colossal statues and very small objects of daily life, large frescoes and entire walls of hieroglyphs.

In short, a section where you should spend hours and hours.

4 – The chess of the Lewis island, a Viking mystery?

These small works of art are walnut and walrus ivory chess found on the Isle of Lewis in the 19th century.

They date back to the 12th century and were probably built in Norway, near Trondheim. How and why they arrived on the shores of Scotland remains a mystery

5 – The treasure of Sutton Hoo

The treasure of Suttun Hoo was discovered in 1939 in the United Kingdom and is one of the most important examples of art of the VI-VII century in this area.

Various tombs were found in this area: some had never been violated and still preserved precious jewels. The most incredible was the burial including a ship made of oak wood weighing several tons.

Buckles, clasps, helmets, sword swords and many other beautiful objects that are worth admiring have been found.

6 – The Mildenhall plate

This dish is one of the finest examples of the minor art of late Roman antiquity. It is a masterpiece of jewelry, weighs more than 8 kg and represents Bacchic scenes and the bearded god Neptune at the center.

The Mildenhall plate is in embossed silver and is simply magnificent. Even the rest of the silverware deserves to be admired: it is what remains of the treasures that were hidden at the time of the barbarian invasions and then found centuries later in the most unbelievable situations.

7 – The crystal of Lothario

It is a jewel that was probably made for the Carolingian king Lothair II (about 860 AD). Lotario’s crystal was minutely engraved with the biblical scenes of Susanna and the Elders.

You can find it in the Middle Ages section of the British Museum.

8 – The Mohai of the British Museum

You know those monolithic sculptures of dark stone with the big nose that are on Easter Island? Well, there’s one in the British Museum in the “living and dying” section and it’s called Hoa Hakananai’a. It is almost 3 meters high and is more or less dated to 1200.

I do not know the art of this part of the world, but I assure you that it has a remarkable expressive power and is really impressive. One word to describe it: incredible.

9 – Greek and Etruscan ceramics

Being in front of some masterpieces is certainly very emotional, but what I love most about museums is when they tell me what the daily life of the men of the past was like. What they did, what they ate, how women wore them, what the children played with, what their clothes were like. I like to know this.

The “crocks” of Greek-Roman vases, wines and crumbs are scattered throughout the museums of Europe and always seem the same, but they are each time a discovery. The most beautiful of the British Museum, in my opinion, is the vase of Achilles and Penthesilea, my heroine. Too bad you can not take a decent picture from any angle.

10 – The Great Court of the British Museum

Don’t forget to admire the Great Court architecture of the British Museum. It is dedicated to Elizabeth II and is the largest covered square in Europe, full of light, truly magnificent.

It was inaugurated in 2000 and is the work of Foster & Partners.

Practical information and opinions

Like the other British state museums, the British Museum is free but an offer at the exit is welcome (and obligatory, I would add).

The last time I visited it was 2014 and it was a great emotion to review certain works after having studied them. I have also discovered many others and have stayed for hours to admire some masterpieces of minor arts, jewelry, plates, weapons, and clothes.

I was very impressed by some works from Asia and Africa, if you have any history or art history manual dealing specifically with these two continents, please report it to me, I would like to know more!

Would you like to discover one of the most beautiful parks in Rome and get away from the usual places full of tourists? Maybe I have what’s right for you!

There are some places in Rome that even the Romans not know. One of these, is Villa Torlonia, a real gem in the middle of a public park on Via Nomentana.

Villa Torlonia is a beautiful park and the princely residences inside are rich in history and beauty.

Located in the middle of the green, on Via Nomentana, there are several distinct buildings: the “noble Casino”, the “Casino dei Principi” and the “Casina delle Civette”, all built between the 19th and 20th centuries by the powerful Torlonia family.

Inside the park of Villa Torlonia there are also two museums, one dedicated to the Roman school and one to the villa itself.

Read on if you want to find out what to see at Villa Torlonia!

How was built Villa Torlonia

Villa Torlonia in Rome takes its name from the Torlonia princes who bought it in 1797 and made it their main residence. Obtained the noble title, Giovanni Torlonia decided to make it an estate worthy of his rank.

The works of the arrangement were entrusted to Valadier, who started to built the casino Nobile, the casino of the Princes and the stables. Giovanni’s son, Alessandro, decided to expand the estate with a tribune, a temple of Saturn and false ruins.

Villa Torlonia was even equipped with a playground, artificial caves and the theater, lemon or orange tree and the Swiss hut were erected. This one then became the little house of the owls.

Finally, he built two obelisks in honor of his parents.

Parties and bunkers: Mussolini and villa Torlonia

Benito Mussolini also stayed in villa Torlonia during the years of his dictatorship.

In fact, he was allowed to reside there from 1925 to 1943 and here he organized meetings, lavish parties and meetings. In this period the park of Villa Torlonia in Rome was converted into a war garden and anti-aircraft bunkers were built under the Nobile casino.

From 1944 to 1947, Villa Torlonia was occupied by Anglo-American forces and then purchased by the municipality of Rome, restored and made public.

villa-torlonia-lampadario

The casino Nobile: fake Etruscan tombs, dance halls and Valadier

The Casino Nobile of Villa Torlonia was built by Valadier between 1802 and 1806. The current arrangement, which makes it look like a classical temple, was nevertheless realized later, to make the building even more majestic.

Interiors of Villa Torlonia were sumptuously decorated and you can still admire beautiful rooms, such as the large party room or the beautiful Egyptian room. What I liked the most is the hall of Italian poets, where they are portrayed with their inspiring muses.

It was in the Nobile casino of Villa Torlonia that Mussolini lived. Under the structure, in addition to the bunkers, a fake Etruscan tomb re-emerged, probably built by Caretti.

The little house of the owls

The little house of the owls is the real pride of the park of Villa Torlonia for its particular structure but especially for the windows: a perfect example of liberty style typical of the beginning of the last century.

Only the walls remain of the original Swiss hut: between 1908 and 1930 the house was completely transformed. Large windows were opened, decorated with magnificent stained glass windows and the interiors were enriched with majolica, boiserie and sculptures with a zoo and phytomorphic theme (with shapes of animals and plants).

Soon it began to be called the house of the owls, both for the famous stained glass with these animals and for the recurrence of these nocturnal birds in the house.

The esoteric meaning of the owls is linked to the Greco-Roman antiquity, as an animal of the goddess of Athena’s wisdom. It would, therefore, be a symbol of ancestral and distant wisdom: this nocturnal bird in fact “sees” in the darkness, as the scholar manages to discern good in evil.

The details and attention given to decorating the interior of the little house of the owls will leave you speechless: each room has its own theme of decoration. The most interesting part, however, is the stained glass windows, a unicum in the artistic panorama of Rome in those years.

In short, it is a magical place where everyone dreams of living.

rondini villa torlonia

One of the most beautiful villas in Rome

Walking through the Villa Torlonia will let you immerse yourself in an enchanted atmosphere. The park is not very large, but it remains one of the lesser-known villas in Rome despite its undeniable charm.

After the restoration of the 1990s and the redevelopment of the 2000s, it is now a center of culture and meeting for citizens. In fact, concerts and exhibitions are organized.

It is really a place to visit!

Vetrate villa torlonia roma

Practical information on Villa Torlonia

Access to the public park of Villa Torlonia is free but the entrance to the houses is subject to charges (around 10€). The first Sunday of each month, only for residents in Rome, entry is free.

villa torlonia a roma

cigno villa torlonia

Comments on Villa Torlonia?

Have you been there? Did you like it? Which residence did you prefer?

Let me know in the comments!

Il museo archeologico di Napoli è uno dei più belli d’Italia. Le opere che vi sono conservate sono varie e splendide, basti pensare che racchiude la splendida collezione Farnese, reperti di Pompei ed Ercolano, una vasta sezione sull’antico Egitto ed una sulla numismatica. Le meraviglie da vedere al MANN sono tantissime, per questo  vi segnalo le 7 opere che mi hanno colpita di più. Pronti?museo archeologico di napoli

Il toro Farnese o supplizio di Dirce

Lo puoi studiare, vedere in foto e ammirarne le forme sul pc, ma quando te lo ritrovi davanti fa tutto un altro effetto. Uno dei tesori più importanti del museo archeologico di Napoli è sicuramente l’enorme scultura del Toro Farnese. Questo gruppo venne riportato alla luce per ordine di Paolo Farnese, presso le terme di Caracalla a Roma, nel lontano 1545.  Fu sistemato nella villa Farnese di Roma e vi rimase sino al 1786 circa, quando il re Ferdinando IV di Borbone fece spostare l’intera collezione Farnese a Napoli, creando il nucleo originale del MANN.

La tragicità dell’episodio narrato, il supplizio di Dirce, viene trasmessa in modo potente dall’opera. Questo gruppo coglie infatti un momento esatto del mito, quando la perfida Dirce sta per essere legata all’enorme toro dai due giovani. Sono i figli di Antiope, decisi a vendicare la madre, vittima per anni dei soprusi di Dirce. La donna verrà trascinata dal toro per le montagne rocciose sino alla morte. Tutta la tensione della scena sembra suggerirci l’epilogo della vicenda. E’ stato di recente avanzata l’ipotesi che questo enorme gruppo, tratto da un unico blocco di marmo tra il III e il II secolo a.C., fosse in origine una fontana. La bellezza e la grandezza di quest’opera lasciano senza fiato chiunque voglia visitare il museo archeologico di Napoli!museo archeologico di napoli

Graffiti dal passato: le epigrafi

Le epigrafi, antichi testi scritti su diversi supporti, ci parlano di epoche lontane. Al museo archeologico di Napoli se ne trovano in pietra, argilla, terracotta e persino una parte dedicata alle iscrizioni ritrovate sui muri di Pompei ed Ercolano. Propaganda politica, insegne, leggi, annunci, contratti… i testi conservati ci parlano della vita quotidiana dell’antichità inclusi i graffiti vandalici in giro per le città!museo archeologico di napoli

Mummie e faraoni a Napoli: la collezione egizia

La collezione egizia del museo archeologico di Napoli è seconda in Italia solo a quella di Torino. Tra mummie, sarcofagi, oggetti votivi, statue e monili, potrete scoprire i vari aspetti della vita degli antichi egizi. La sezione è stata recentemente rinnovata ed è stata pensata per mostrare ai visitatori le meraviglie che provengono da questa antica civiltà.museo archeologico di napoli

Mosaici da un milione di tessere

La sezione che forse mi ha emozionata di più è quella sui mosaici. Vedere dal vivo il mosaico della battaglia di Isso è un’esperienza unica! Più di un milione di tessere minutissime rappresentano una delle battaglie più famose dell’antichità, quella tra Alessandro Magno e Dario III di Persia ad Isso. Ma di mosaici incredibili ce ne sono molti altri, soprattutto provenienti dagli scavi di Pompei. La qualità e la bellezza delle opere sono impressionanti, vedere per credere!museo archeologico di napoli

Lato B da dea: la Venere Callipigia

La Venere Callipigia o dalle belle natiche (perché callipigia questo significa!) rappresenta l’ideale di bellezza femminile in epoca classica. La dea della bellezza è ritratta mentre si volta indietro, scoprendosi le natiche in una posa naturale ma molto originale in scultura. Da quando fu ritrovata nel 1594, divenne costante fonte di ispirazione per gli artisti delle epoche successive.museo archeologico di napoli

La testa di cavallo di Donatello

La monumentale testa di cavallo in bronzo, opera di Donatello, fa parte di una statua equestre incompiuta. Commissionata da Alfonso V d’Aragona, venne realizzata verso il 1458. La testa era talmente ben fatta, che venne a lungo creduta un’opera archeologica dell’antichità classica: sappiamo per certo, dal rinvenimento dei documenti, che l’autore fu proprio Donatello. Questa testa di cavallo è uno dei simboli della città di Napoli e del MANN tanto che sulla scala d’entrata al museo archeologico di Napoli è stato recentemente dipinta una sua riproduzione.museo archeologico di napoli

Il gabinetto segreto: amore e sesso al tempo dei romani

Probabilmente è la parte che fa più sorridere dell’intero museo nazionale di Napoli, quella dedicata alla “pornografia” dell’antichità. Visitare questa sezione è importante per capire come fosse vissuto non solo il sesso nell’antichità ma anche la nudità, la libertà di costumi e la fertilità. Dalle statuette propiziatorie di Priapo con i giganteschi falli ad affreschi di scene erotiche, questa sezione del museo vi porterà a scoprire una delle tematiche meno trattate nella storia ma inevitabilmente tra le più affascinanti. Anche se è vietato ai minori!museo archeologico di napoli

Informazioni pratiche sul museo archeologico di Napoli

Il museo archeologico di Napoli si trova nel centro città. Per me è stata la prima trappa del percorso che mi ha portata alla scoperta del quartiere Sanità e del miglio Sacro e delle magnifiche persone che si impegnano ogni giorno per migliorare la città ed il proprio quartiere. Vi consiglio questo museo per aprire o chiudere la vostra visita a questo quartiere tanto unico quanto affascinante. Il prezzo d’ingresso al museo è di 12 euro (ridotto 6), trovate tutte le info a questo link.

Ora sono curiosa di sapere quali sono state le opere e le sezioni che vi sono piaciute di più di questo museo! Scrivetemelo nei commenti!museo archeologico di napoli

Stai pensando di visitare la Galleria Borghese a Roma ma non sei ancora convinto? Vorresti sapere se vale davvero la pena visitare questo museo di Roma e sapere cosa troverai al suo interno?

Ti trovi nel posto giusto!

La Galleria Borghese non è soltanto uno dei musei più belli di Roma ma è sicuramente  uno dei più interessanti e prestigiosi di tutto il mondo. Al suo interno sono custodite delle opere incredibili tra cui le più belle sculture di Bernini!

Se vuoi prenotare una visita a Galleria Borghese devi sapere che è necessario organizzarsi in anticipo e che avrai solo due ore a disposizione. Ma non ti preoccupate, il tempo è più che sufficiente per vedere tutti i suoi tesori.

In questo post ti spiego come raggiungere Galleria Borghese e come organizzarsi per visitare questo incredibile museo di Roma!

Sei un amante di Bernini? Leggi anche: Gian Lorenzo Bernini: storia di un artista e 10 capolavori indiscussi

Perché visitare galleria Borghese?

Galleria Borghese non solo custodisce  una raccolta d’arte di straordinaria bellezza, ma l’edificio stesso costituisce un’attrazione. Una volta entrati si resta con la testa all’insù ad ammirare i soffitti, ci si  incanta ad osservare la decorazione delle pareti, delle porte e i marmi dei pavimenti.

Visitare galleria Borghese ti farà scoprire capolavori d’arte cinque e seicentesca unici e preziosissimi. Qui sono conservati ben 4 gruppi scultorei di Bernini (i più famosi tra l’altro), 6 tele di Caravaggio, 2 dipinti di Raffaello e 2 di Tiziano, oltre a molte altre opere non meno preziose.

Domenichino, Dosso Dossi, Veronese, Correggio, Algardi… sono solo alcuni degli artisti che troverete nelle sale!

Vuoi sapere quando è stata costruita la galleria Borghese a Roma?

Galleria Borghese fu costruita nel 1612 dal cardinale Scipione Borghese, nipote di papa Paolo V. Fu concepita da subito come museo per racchiudere le splendide opere d’arte che il suo proprietario aveva raccolto negli anni. Il palazzo fu poi restaurato da uno dei suoi discendenti, Marcantonio IV, che fece decorare tutte le sale con gusto settecentesco.

visitare galleria borghese
Scipione Borghese ritratto nelle vesti di Orfeo, microcosmico

Come prenotare galleria Borghese?

Innanzi  tutto, per visitare galleria Borghese, ricordati che E’ OBBLIGATORIA LA PRENOTAZIONE. Ci sono 5 turni da due ore tutti i giorni tranne il lunedì. Gli orari dei turni a Galleria Borghese sono dalle 9 alle 11, dalle 11 alle 13, dalle 13 alle 15, dalle 15 alle 17 e dalle 17 alle 19.

Come prenotare galleria Borghese? Quando avrai scelto giorno ed orario, potrai prenotare via internet a questo link oppure per telefono. Il numero per prenotare la visita alla galleria Borghese è 0632810. Il mio consiglio è di prenotare con almeno una settimana di anticipo ed arrivare mezz’ora prima dell’inizio del turno.

L’unico modo per visitare Galleria Borghese senza prenotazione sono i biglietti last minute, disponibili mezz’ora dopo ogni turno.  Sono due gli svantaggi: avrai solo un’ora e mezza per visitare la galleria e non è detto che siano disponibili poiché il numero cambia di volta in volta, quindi si rischia di fare un buco nell’acqua. Ve li sconsiglio caldamente!

Borse, borsette, ombrelli e zaini andranno lasciati obbligatoriamente al guardaroba poiché gli spazi sono molto ristretti e si rischia di danneggiare le opere. Sono ammessi solo piccoli marsupi e piccolissime borsette, senza borchie. Il guardaroba di Galleria Borghese è gratuito, sorvegliato e molto sicuro.

Probabilmente ti starai chiedendo se è possibile fare foto a Galleria Borghese? La risposta è “si”  ma senza il flash.

Se invece vuoi mangiare a Gallaria Borghese, la caffetteria al piano seminterrato oppure puoi fare un pic nic nel giardino di Villa Borghese. D’estate è davvero bellissimo!

La galleria ha tre piani: il piano -1 dove si trova la biglietteria, caffetteria, guardaroba e bagni. Il piano 0 con le sculture e Caravaggio e il piano 1 con la pinacoteca. Ci sono poi delle scale per spostarsi da un piano all’altro.

Se visiti la galleria con l‘ultimo turno (17/19) ti segnalo che biglietteria, bookshop e caffetteria chiudono alle 18.30.

visitare galleria borgheseCosa devi vedere assolutamente alla galleria Borghese?

Due ore non sono molte ma sono sufficienti per visitare la galleria con calma. Ho personalmente accompagnato più di un amico e abbiamo sempre fatto in tempo a vedere tutto.

Le opere sono tantissime (e bellissime) quindi mi limiterò a segnalarti le 10 opere più belle di galleria Borghese. visitare galleria borghese

1 Il salone di Mariano Rossi

La decorazione del grande salone d’entrata è la più impressionante. Sul soffitto è rappresentata la “Gloria di Roma” del pittore Mariano Rossi. Non è molto conosciuto ma ai suoi tempi era famoso. Quest’opera gli fu commissionata nel 1774 da Marcantonio IV Borghese ed è veramente impressionante.

Al centro della volta si trova Romolo, fondatore di Roma, che viene assunto in cielo da Giove, re degli dei. Da una parte noterai Furio Camillo sconfiggere i Galli in battaglia, dall’altra l’allegoria di Roma con Romolo e Remo bambini e la Lupa, le oche del Campidoglio, il Tevere sotto forma di divinità con un lungo remo e varie altre personificazioni delle virtù cittadine quali prosperità, abbondanza ecc…

La figura nuda che si trova a sinistra dell’entrata lascia un po’ perplessi: la donna , che tiene in mano il sole, è la rappresentazione della Verità che viene svelata dal Tempo (la figura alata) e sconfigge la calunnia e l’invidia. Essa fu rappresentata per fare da pendant all’incompiuta statua di Bernini che si trovava nella stessa sala sala.

Che altro dire, questo soffitto è magnifico e ti terrà non poco con gli occhi all’insù!visitare galleria borghese

2 La statua di Paolina Borghese di Canova

Visitare galleria Borghese senza soffermarsi a conoscere una delle sue protagonista sarebbe un peccato! Alla sala numero 1 si trova infatti il simbolo  della galleria, Paolina Borghese, sorella di Napoleone Bonaparte che sposò il figlio di Marcantonio IV, Camillo Borghese.

Fu una figura chiave nella storia di questo museo e della sua collezione poiché Napoleone costrinse il cognato a vendere alla Francia 344 tra le opere più importanti della collezione archeologica della famiglia. Per questo motivo al Louvre vi sono tantissime statue romane come l’ermafrodito Borghese o il Satiro Borghese!

La statua di Paolina Borghese è un’opera di Canova e fu commissionata proprio per “integrare” le perdite subite da questa massiccia spoliazione.

Paolina fece scandalo perché era rappresentata seminuda nelle vesti della dea Venere vincitrice. In mano infatti tiene il pomo d’oro che Paride aveva assegnato alla dea più bella, la dea dell’amore. Quest’opera incarna perfettamente l’ideale neoclassico di armonia e compostezza: il materasso sembra vero, la pelle della donna sembra viva per quanto è candida e levigata!

visitare galleria borghese3 David di Bernini a Galleria Borghese

Il David è un capolavoro giovanile di Gianlorenzo Bernini che eseguì quest’opera nel 1623, all’età di 25 anni circa. E’ l’unica statua a soggetto biblico acquistata dal Cardinale Scipione, che scoprì subito il talento del giovane scultore.

Il David che sconfisse il gigante Golia, era già stato ritratto da Donatello e da Michelangelo, i due più grandi scultori del Rinascimento. Non a caso l’ambizioso genio del Bernini sceglie questo tema, per dimostrare la sua abilità confrontandosi con i due grandi del passato.

Il David di Bernini a galleria Borghese è profondamente diverso: viene infatti ritratto nel pieno dell’azione e non ad azione conclusa come gli altri. La torsione del corpo, i muscoli tesi, il volto concentrato, trasmettono tutta la tensione dell’impresa.

Si dice che per il volto, Bernini si sia ispirato alla sua espressione mentre scolpiva, guardandosi in uno specchio.

Interessante notare che la parte posteriore non è rifinita: la statua doveva essere infatti messa contro un muro e non guardata a tutto tondo.

Sul David di Bernini c’è anche un’altra piccola curiosità che in pochi conoscono: il tallone del David è in gesso e non in marmo! Forse Bernini, essendo ancora molto giovane, aveva sbagliato a prendere le misure oppure, dovendo essere posto contro la parete, non era importante poiché non si sarebbe visto il pezzo mancante. visitare galleria borghese

4 Enea, Anchise e Ascanio di Bernini

Questa è la prima statua che Bernini ha realizzato per il cardinale quando aveva una ventina d’anni. Tra i gruppi presenti in galleria è il meno famoso perché risulta statica rispetto alle altre statue che hanno un movimento ed un pathos molto più forte. La statua rappresenta Enea mentre fugge da Troia in fiamme, il padre Anchise sulle spalle, il figlioletto Ascanio che lo segue.

Quest’opera è interessante per due ragioni.

La prima è che fu un omaggio alla famiglia Borghese stessa, che si vantava di discendere da Enea. La seconda è che non rappresenta solo la scena della fuga da Troia. In questa statua si possono vedere infatti le tre età dell’uomo: il bambino Ascanio, che tiene tra le mani la fiamma simbolo di vitalità e luce del futuro, Enea, l’adulto, che tiene sulle sue spalle il peso della famiglia e della responsabilità e possiede la forza fisica e morale per guidare le future generazioni e l’anziano Anchise, memoria della famiglia che stringe tra le mani le statue dei Penati, cioè degli antenati.

La potenza delle tre figure è particolarmente evidente se vista da dietro. Le schiene dei tre personaggi, il modo in cui è scolpita la pelle rugosa del vecchio, liscia dell’eroe e paffutella del bambino rendono perfettamente l’idea della differenza tra i tre.visitare galleria borghese

5 Apollo e Dafne di Bernini

Questo gruppo rappresenta il momento in cui il dio Apollo raggiunge la ninfa Dafne che, non ricambiando il suo amore, prega di essere trasformata in albero piuttosto che assecondare gli amori del Dio. Il giovane Apollo la raggiunge proprio mentre si sta trasformando: i piedi diventano radici, le mani foglie, la chioma rami e il corpo tronco. Nelle “Metamorfosi” di Ovidio che ispirarono l’opera si legge:

Ancora prega, che un torpore profondo pervade le sue membra, il petto morbido si fascia di fibre sottili, i capelli si allungano in fronde, le braccia in rami; i piedi, così veloci un tempo, s’inchiodano in pigre radici, il volto svanisce in una chioma: solo il suo splendore conserva. Anche così Febo l’ama e, poggiata la mano sul tronco, sente ancora trepidare il petto sotto quella nuova corteccia e, stringendo fra le braccia i suoi rami come un corpo, ne bacia il legno (…)

Il modo in cui Bernini rappresenta l’azione è  incredibile: la finezza delle foglie, il piede alzato di Apollo e il suo sandalo, la bocca semiaperta della ninfa che sembra stia gridando.

La ninfa sembra strasformarsi in alloro proprio davanti ai nostri occhi ed è proprio dell’alloro che il dio si cingerà per sempre il capo in ricordo della sua amata.visitare galleria borghese

6 Ratto di Proserpina di Bernini

Realizzato tra il 1621 e il 1622 (a 23/24 anni) da Gianlorenzo Bernini, quest’opera è al centro del salone degli imperatori di Galleria Borghese.  Vi è ritratto Plutone, dio degli inferi, mentre rapisce Proserpina. La giovane si dibatte tra le braccia del Dio e piange indifesa mentre l’altro sogghigna felice della sua preda.

La tragicità della scena è enfatizzata dal cane mostruoso Cerbero che latra e ringhia con le sue tre teste a chi si avvicina per sottrarre la ragazza al suo padrone.

I muscoli di Plutone tesi nello sforzo, il braccio alzato di Proserpina, il volteggiare delle vesti e della sua chioma, portano l’osservatore nel vivo della tragicità della scena.visitare galleria borghese

7 Le opere di Caravaggio

Visitare galleria Borghese vuol dire anche ammirare la più grande collezione di tele di Caravaggio al mondo. Nella sala 8 sono presenti sei opere di Caravaggio: la Madonna dei Palafrenieri, Davide con la testa di Golia, Giovane con canestra di frutta, il cosiddetto Bacchino malato, San Gerolamo e San Giovannino.

Ti lasceranno a bocca aperta!visitare galleria borghese

8 I capolavori di Raffaello

La collezione Borghese era quella che vantava più Raffaello dopo la famiglia de’Medici, in un epoca in cui possedere un Raffaello era segno di ricchezza e distinzione. Solo due tele sono sopravvissute a vendite e spoliazioni: il trasporto del Cristo morto e la Dama con liocorno.

La prima opera ha una storia interessante poiché fu trafugata da un monastero perugino su ordine del Cardinale. Essendo il nipote del Papa, Scipione commise varie azioni scellerate per appropriarsi di capolavori, essendo sicuro di rimanere impunito.

La dama con liocorno invece ha avuto una sorte diversa in quanto la sua vera identità fu per secoli contraffatta sotto le spoglie di Santa Caterina. Al dipinto era infatti stato aggiunto un mantello e una ruota, simbolo del martirio della santa.

Solo i restauri di inizio secolo hanno portato l’opera alla sua forma primitiva.

La giovane ritratta doveva essere probabilmente una sposa a giudicare dalle vesti sfarzose e dal gioiello con rubino, simbolo di passione. L’animale al suo fianco potrebbe essere un unicorno (rappresentante la verginità della ragazza) oppure un cane (fedeltà) ma dalle radiografie non emerge con chiarezza quale delle due creature sia stata dipinta prima.

Visitare galleria Borghese vuol dire immergersi nella storia dell’arte!visitare galleria borghese

9 La Danae di Correggio

Questa tela fu acquistata da Camillo, marito di Paolina Bonaparte.

L’opera risale al 1532 e faceva parte insieme ad altre tre tele di una serie di Amori di Giove, dipinti per il duca di Mantova Federico II Gonzaga. La leggenda racconta infatti che Danae fu rinchiusa in una torre dal re suo padre, poiché gli era stato predetto che sarebbe morto per mano di suo nipote.

Giove, invaghitosi della giovane, la feconderà sotto forma di pioggia dorata.

Il tema non era mai stato rappresentato, l’interpretazione di Correggio risulta dunque molto innovativa.visitare galleria borghese

10 I due dipinti di Tiziano a Galleria Borghese

Sono due le opere di Tiziano conservate alla galleria Borghese.

La più famosa è sicuramente Lamor sacro e l’amor profano risalente all’incirca al 1515. Sono rappresentate due donne sedute su una fontana, una nuda ed una vestita, che rappresentano rispettivamente l’amor sacro (nudo perché puro e senza macchia) e l’amor profano (vestito di un abito nuziale).

Il significato di quest’opera può essere compreso solo quando si contestualizza: era un dono di nozze che accompagnava molti altri regali.

L’altro dipinto, del 1565 circa, rappresenta Venere che benda Cupido e vi si può apprezzare tutta l’arte di Tiziano maturo.

Molto interessante vedere l’evoluzione del grande maestro tra un’opera giovanile ed una in età avanzata.visitare galleria borghese

Visitare galleria Borghese e la mostra su Bernini

Dal 1 novembre al 4 febbraio è in corso la mostra su Bernini a Galleria Borghese.

L’esposizione comprende circa 60 opere provenienti da altri musei e collezioni da tutto il mondo, in cui si ripercorre la formazione dell’artista e le varie fasi del suo lavoro. L’allestimento è all’interno della collezione permanente segnalate da piedistalli e pannelli informativi di colore grigio metallico.

Il prezzo per la visita a Galleria Borghese è maggiorato a causa dell’esposizione.visitare galleria borghese

Commenti su galleria Borghese?

Per qualunque domanda per visitare galleria Borghese non esitate a contattarmi!

Chi di voi ha già visitato la galleria? Fammi sapere qual è l’opera che ti è piaciuta di più nei commenti.

visitare galleria borghese

Il Petit Palais di Parigi è uno dei musei più sottovalutati della capitale francese. E’ una delle architetture avanguardistiche di inizio secolo ed è stato il padiglione dell’esposizione universale.

Oggi il Petit Palais è il museo delle belle arti di Parigi ed ospita delle opere di moltissimi artisti dalla preistoria ad oggi.

Ti racconto racconto la mia esperienza ed una bellissima nuova scoperta!

L’esposizione universale al Petit Palais e la sua forma unica

Il Petit Palais a Parigi, letteralmente “palazzo piccolo”, fu costruito davanti al Grand Palais come spazio espositivo per l’Esposizione Universale del 1900. Oggi ospita il museo delle belle arti di Parigi ed è visitabile gratuitamente!

I due palazzi si trovano uno difronte all’altro e, se visti dall’alto, rappresentano la la sagoma di un aereo: un’architettura avanguardistica considerando che gli aerei erano ancora in fase di sperimentazione all’epoca.

Il Patit Palais si trova a due passi dagli Champs Elisée e ti lascerà a bocca aperta: la sua struttura è piena di luce perché, come nella moda di inizio secolo, è piena di vetrate!

Continua a leggere per scoprire la mia esperienza!

petit-palais-quadro

Mostre temporanee al Petit Palais: il caso di Jordaens

Le esposizioni temporanee al Petit Palais sono molto ben strutturate. Puoi trovare tutte le info sulle esposizioni in corso a questo link.

Personalmente mi sono ritrovata a visitare l’esposizione su Jordaens, artista olandese del XVII secolo di cui non sapevo niente e che, alla fine della mostra, non mi ha lasciato nessuna emozione particolare (purtroppo l’arte è anche questione di gusti e a me molti seicenteschi non piacciono proprio).

A suo favore devo dire che il percorso era organizzato davvero bene e che le opere esposte erano molto numerose.

petit palais a parigi

Visitare il Petit Palais: ecco cosa ho amato di più dell’esposizione permanente

La collezione permanente del Petit Palais a Parigi mi ha davvero lasciata senza parole. Ci sono numerose opere di artisti famosi  appartenenti a diversissime. All’interno puoi trovare perfino dei Monet!

L’ingresso al Petit Palais è gratuito per l’esposizione permanente e ripercorre tutte le epoche storiche e le tecniche sperimentate dagli artisti dalla preistoria fino al ‘900. Ritroviamo arredi liturgici medievali, tele di grande formato, arti grafiche, gioielli ed oggetti della vita quotidiana.

Ho apprezzato davvero la collezione di “arti minori” come i piccoli oggetti antichi, statuette, scatoline, orologi e vasellame. Sono rimasta incantata di fronte ad alcune tele magnifiche come le opere di Fernand Pelez, che non avevo mai visto dal vivo e che mi hanno lasciata sconvolta per la loro vividezza, crudezza e realismo.

Fare una cernita dei musei da vedere a Parigi in poco tempo è davvero dura, ma se rimani nella capitale francese qualche giorno in più, non scortarti di dedicare qualche ora a questo Petit Palais, che di petit ha solo il nome!

All’inizio dell’articolo di ho parlato della mia nuova scoperta. Si tratta di una tela di cui mi sono letteralmente innamorata: una bella “Parisienne” di Charles-Alexandre Giron! Ti lascio con una sua foto!

petit-palais-quadro

Commenti sul Petit Palais di Parigi?

Hai mai visitato questo museo di Parigi? Fammi sapere le tue opinioni o scrivimi pure nei commenti se hai bisogno di aiuto.

Colonia è molto di più che una città dello shopping con una bella cattedrale. Qui 5 musei che non puoi perderti se visiti questa perla del Reno!

5 musei da visitare a Colonia: il museo Ludwig

Parliamo di un museo di arte contemporanea che si trova proprio dietro la cattedrale e che è uno dei più importanti in Europa. Racchiude opere dal ‘900 ad oggi tra cui spiccano nomi come Picabia, Duchamp, Braque, Klee, una grande collezione di PicassoModigliani, Dali e molti altri. Mi hanno colpita moltissimo alcune opere di Kupka per non parlare delle “cinque donne per strada” di Kirchner (che era una delle principali ragioni della mia visita).

Bellissima la sezione pop art dove si ammirano lavori di Andy Warhol e Roy Lichtenstein. La statua iperrealistica di Duane Hanson mi ha fatto davvero impressione!

5 musei da visitare a Colonia: il Römisch-Germanisches museum

Da romana, come era successo per il museo Gallo-Romano di Lione, mi sono chiesta se valesse la pena di visitarlo: alla fine non ne ho abbastanza a casa di resti romani? La risposta è che i romani non finiscono mai di stupirti, anche nelle lontane lande della Germania inferior.

In questo museo, costruito su grandi colonne che richiamano un tempio classico, sono raccolte testimonianze dalla preistoria all’epoca merovingia. Tra i numerosi e bellissimi mosaici ritrovati spicca quello di Dionisio, risalente al 220 d. C. Inoltre vi è una delle più importanti raccolte di vetri antichi: vasi, bicchieri, bottiglie, alcuni anche molto preziosi, arricchivano le tavole dei nobili e ancora fanno mostra delle loro decorazioni. Da vedere!

5 musei da visitare a Colonia: la Domschatzkammer del duomo di Colonia

La Schatzkammer del duomo di Colonia vale assolutamente la pena di visitarla. Conserva tesori bellissimi ed inestimabili, una parte importante della storia dell’arte della città. Ne abbiamo parlato qui. 

5 musei da visitare a Colonia: il museo del cioccolato

Museo del cioccolato? Siamo seri? Si, non sarà un’attrazione artistica, ma il museo del cioccolato può insegnarti molto. Il nome è Schokoladen museum Imhoff poiché venne fondato da un imprenditore dell’industria dolciaria, Hans Imhoff. Dal 1993 ad oggi ha riscosso un grande successo, poiché conta più di 600 mila visitatori l’anno.

Si trova sul lungofiume, presso il porto del Rehinau, non lontano dalla cattedrale ed offre un viaggio molto dolce alla scoperta della cioccolata. Tra le sue sale scoprirai le sue antiche origini, quando i Maya e gli Atzechi chiamavano la cioccolata “il cibo degli dei”, come viene prodotta oggi e la sua progressiva conquista dei mercati europei e mondiali. Molte le installazioni digitali che rendono la visita piacevole soprattutto ai più piccoli. Oggi il museo è sponsorizzato dalla Lindt: potrete anche assaggiare dei wafer intinti in una fontana di cioccolata alta 3 metri...

5 musei da visitare a Colonia: NS-dokumentationszentrum

Tutto l’opposto del museo del cioccolato: qui di piacevole non troverete niente. Questo NS-dokumentationszentrum è stato allestito all’interno della sede della Gestapo nella città di Colonia. In un edificio apparentemente normalissimo, si cela una terribile prigione in cui sono state detenute migliaia di persone e uccise a centinaia.

La parte più impressionante sono le scritte sui muri della prigione, in tutte le lingue europee dal russo allo spagnolo, con le testimonianze dei detenuti che raccontano parentesi della propria storia. Chi fu rinchiuso ingiustamente, chi era incinta, chi era spaventato e chi rassegnato, chi stava per essere fucilato, chi era poco più di un ragazzino e chi vecchio… pezzi di vite spezzate o magari miracolosamente scampate alla morte in uno dei periodi più orribili della storia. La sensazione di angoscia e spavento non ve la leverete neppure una volta usciti.

Ai piani superiori è allestita un’esposizione sulla vita sotto il nazismo: com’era organizzata la scuola, il lavoro, la gestapo etc. Anche qui, testimonianze più o meno scioccanti. La parte più dura è stata apprendere della sterilizzazione operata sulle donne tedesche ritenute “non sane”. Rientravano nella categoria tutte quelle che avevano in famiglia casi di malattie ereditarie o non erano particolarmente intelligenti. Il ns-dokumentationszentrum è da visitare, soprattutto se avete bambini o ragazzi al seguito, perché il mondo non deve mai più cadere in certi errori e perché tutti dobbiamo essere consapevoli di ciò che è accaduto.

Pensare che Colonia, una città vivace, bella e colorata possa essere stata sfondo di certi eventi mi ha spezzata. 

Consigli e informazioni per visitare i musei di Colonia

A Colonia troverete molti altri musei interessanti come il Kolnisches Stadtmuseum, il museo della città di Colonia, che ripercorre la storia della città nei secoli, il museo del profumo, in cui puoi scoprire la famosa acqua di Colonia o il Kolumba, in cui troverai tesori del vescovo della città ed elementi di vita quotidiana dal medioevo ad oggi.

Ce ne sono molti altri, per scegliere i migliori per te, puoi visitare questa pagina. Inoltre, se pensi di visitare vari musei in città, ti consiglio la KölnCard, che ti da diritto a sconti e riduzioni molto vantaggiosi. Potrai acquistarla all’ufficio del turismo proprio davanti alla cattedrale. Spero che questo articolo ti sia piaciuto, fammi sapere quali sono i tuoi musei preferiti di Colonia!

Avresti mai pensato che una romana appassionata di storia e di arte potesse scoprire i romani a Lione?

Ecco perché visitare il museo gallo-romano di Lione

Una delle più belle sorprese di Lione, per me è stato il museo gallo-romano. Da romana moderna, essendo nata e cresciuta nell’Urbe che fu “Caput mundi”, non credevo certo di poter scoprire, o sbalordire davanti ai capolavori dei miei antenati italici in un’altra città quindi ero in dubbio se visitare questo museo oppure no.

Invece il museo gallo- romano, costruito accanto all’anfiteatro in un edificio tanto brutto fuori quanto curato dentro, è riuscito a farmi cambiare idea alla terza sala. Non solo vi sono conservate opere difficili da reperire, come statue bronzee e vasi di vetro praticamente intatti, ma le spiegazioni, il  modo in cui sono esposti i pezzi e tutta l’organizzazione del museo, non fanno che valorizzarle. La fusione tra l’antica civiltà gallica e quella romana diedero vita, nell’antica Lugdunum (antico nome di Lione), ad una capitale delle tre Gallie maestosa e ricca. Ecco 5 ragioni che vi convinceranno a visitare questo museo!

Visitare il museo gallo-romano di Lione: l’anfiteatro

Il maestoso anfiteatro che sorge sulla collina della Croix-Rousse, risale al 19 d. C. Fu costruito come anfiteatro delle tre Gallie, di cui l’antica Lugdunum era capitale. Le tre regioni erano Gallia LugdunenseGallia Aquitainia e Gallia Belgica.

Vicino a questo edificio sorgeva il santuario federale delle tre Gallie del 12 a. C. L’anfiteatro non aveva solo lo scopo di ospitare spettacoli e giochi ma anche una valenza politica, poiché era qui che si riunivano, una volta all’anno, i capi delle 60 nazioni galliche per prendere decisioni e discutere.

Visitare il museo gallo-romano di Lione: i mosaici

Tutti sappiamo che una delle più belle espressioni artistiche dei romani erano i mosaici. Ce ne sono pervenuti di magnifici, tuttavia bisogna considerare che per i romani questi erano pavimenti e, per quanto raffinati, erano solo superfici calpestabili. Oggi si pone un bel problema per la loro esposizione nei musei: bisogna metterli in orizzontale, come erano in passato ma rischia di sfuggire il disegno e la decorazione complessiva. 

Se andrai a visitare il museo gallo-romano di Lione, scoprirai che hanno trovato una soluzione ottimale. I mosaici sono adagiati per terra ma in corrispondenza alle scale per il passaggio ai piani superiori, da cui ci si può affacciare. In questo modo si possono ammirare i mosaici sia come apparivano ai romani, al livello del suolo, che dall’alto, per apprezzare meglio la decorazione. Che felicità!

Visitare il museo gallo-romano di Lione: le arti minori

Chi segue questo blog avrà capito che sono una grande amante delle cosidette arti minori. Tutto quello che è oreficeria (gioielli, fermagli, spille…), stoviglie (piatti, bicchieri, posate, vassoi…) armi, pettini, specchi, scarpe, vesti, ci parlano delle persone del passato e di quello che facevano, come vivevano, come pensavano.

Credo che questi oggetti siano fondamentali per capire la vita quotidiana di un’epoca. I grandi monumenti infatti avevano ricchi committenti, che spesso volevano veicolare un messaggio politico o un’idea ben precisa. Gli oggetti privati, piccoli e anche poco preziosi ci parlano invece della cultura vera di una popolazione. Al museo gallo-romano di Lione potrai ammirare davvero moltissime suppellettili e accessori dell’epoca. Bellissimi.


Visitare il museo gallo-romano di Lione: i bronzi

Non sono molti i bronzi di epoca classica pervenuti fino a noi. Questo perché il bronzo è un materiale spesso impiegato nella fabbricazione di armi che veniva rifuso e riutilizzato per vari scopi. Al museo gallo-romano di Lione potrai ammirare molte statue ed oggetti in bronzo, di rara bellezza e ottima conservazione.

Visitare il museo gallo-romano di Lione: la cultura romana

Se ho studiato che i romani, una volta conquistata una popolazione, inglobavano divinità, usi e costumi del popolo sottomesso, non mi ero mai davvero trovata davanti alla testimonianza di quest’abitudine.

Al museo gallo-romano di Lione questo elemento emerge con grande chiarezza, quando si trovano statuette del pantheon gallico venerate accanto a dei greco-romani. Abbiamo molto da imparare dai nostri antenati circa la tolleranza religiosa!

Informazioni pratiche per visitare il museo gallo-romano di Lione

Non ti ho ancora convinto a visitare il museo gallo-romano di Lione? Allora ti dico che il prezzo del biglietto intero è di soli 4 euro e che tutti i giovani sotto i 26 anni entrano gratis.

Per altre informazioni puoi visitare il sito dove troverai l’indirizzo e gli orari di apertura. Spero che questo post sia stato utile, fammi sapere cosa ne pensi nei commenti!

Il parco archeologico di Paestum, in Campania, ospita testimonianze antichissime. Templi, resti di una città e un museo davvero interessante ti portano a scoprire com’era questa terra in un passato lontanissimo, fino a 2500 anni fa, e ancor prima. Qui ti spiego perché è cosi eccezionale ed unico

Parco archeologico di Paestum: 2500 anni? Sono pochi!

Paestum è famosa per i suoi templi, risalenti all’epoca greca. In realtà l’insediamento umano in questa zona è molto più antico. Già nella preistoria qui vivevano cacciatori e agricoltori, di cui si sono ritrovate armi costruite con pietra scheggiata.

Nel museo archeologico vi è una sezione dedicata proprio ai reperti preistorici e alla civiltà “del Gaudo”, dal nome della necropoli che fu scoperta casualmente dalle truppe americane nel 1944.

Parco archeologico di Paestum: templi dalla Grecia

Quando si pensa al parco archeologico di Paestum si pensa subito ai suoi templi magnifici. Ti assicuro che vederli dal vivo fa tutto un altro effetto che osservarne le fotografie!

Questi luoghi di culto risalgono circa al VI secolo a. C. e furono costruiti in un periodo in cui i greci abitavano le coste dell’Italia meridionale, la cosiddetta Magna Grecia.  Il tempio più antico dedicato adHera, sposa di Zeus, padre degli dei, risale circa al 560 a.C. Sappiamo che si tratta del più antico perché è presente una fila di colonne al centro, poste per sostenere il tetto. Questa tecnica successivamente scomparirà grazie alle nuove scoperte in campo architettonico.

Tutti i templi sono in stile dorico, che si contraddistingue per capitelli molto semplici, privi di decorazione, e per le forme molto possenti di tutta la struttura. Altro tempio, l’unico di cui conosciamo con sicurezza il dedicatario, è quello di Atena. La dea della saggezza, ma anche della guerra, era personificata da una grande statua custodita in una cella all’interno del tempio. Durante le cerimonie, celebrate sugli altari di pietra all’esterno in cui venivano offerte libagioni, le porte del recinto in cui era custodita la statua venivano aperte perché potesse “assistere” alla cerimonia.

Poseidone, Apollo, Hera o Zeus?

Il più grande dei templi del parco archeologico di Paestum è anche quello meglio conservato. Le sue magnifiche colonne, alte 9 metri, presentano scanalature per alleggerire la struttura e slanciarla. Il basamento di tre gradini, rialza il luogo di culto rispetto al suolo di almeno un metro e mezzo.

Si vede benissimo lo spazio interno in cui veniva custodita la statua della divinità circondata da un recinto. Una fila di colonne interne infatti, divide il tempio in tre grandi navate. Il tetto è scomparso perché era in legno, ma sono rimasti intatti i timpani (i grandi “triangoli” che sostenevano il tetto). Impressionante la mole delle pietre, sovrapposte senza malta, che hanno resistito a terremoti e calamità per due millenni e mezzo!

Il problema di questo tempio, è che non ci è chiaro a chi fosse dedicato! Le fonti antiche tacciono, le statue degli dei ovviamente non ci sono pervenute  e i ritrovamenti di statuette votive lasciano comunque il dubbio. Quest’ultime possono far pensare che fosse dedicato ad Hera, protettrice della città, o a suo marito Zeus, padre di tutti gli dei e re dell’Olimpo. Altri hanno teorizzato che il tempio fosse dedicato ad Apollo, dio delle arti. Viene tuttavia detto tempio di Poseidone perché l’antico nome della città eraPoseidonia. L’attribuzione fu proposta nel XVIII secolo, quando il fascino antico di queste strutture fu riscoperto. Si penso’ allora che, dato il nome, il dio del mare potesse essere venerato nel tempio più grande. Non ci sono comunque prove schiaccianti a favore di nessuna di queste ipotesi…

Quanto erano kitsch i templi?

Anche se non vi era decorazione scultorea, né nei timpani né nelle metope (che corrono ai lati sopra le colonne), non bisogna pensare che questo tempio fosse spoglio come lo vediamo oggi.

Era infatti ricoperto da uno stucco bianco e colorato. Si vedono tracce della colorazione rossa e blu e forse vi erano anche motivi vegetali ad arricchire gli spazi vuoti. Anche le statue erano completamente colorate tanto da dover sembrare vere. Sicuramente l’effetto era molto vivace, quasi kitsch, diremmo oggi!

Parco archeologico di Paestum: quando i Lucani conquistarono Poseidonia

Non sappiamo con precisione quando i Lucani, popolazioni italiche dell’entroterra montuoso, attaccarono e conquistarono Poseidonia. Sappiamo pero’ che la chiamarono Paistom e che rispettarono l’impianto di Poleis che i loro predecessori avevano fondato. Gli dei continuarono ad essere venerati, l’heroon, la tomba dell’eroico fondatore, continuo’ ad essere omaggiata con offerte e persino la sala delle riunioni ekklesiasterion, rimase in uso.

Le due comunità si fusero, come emerge dalle testimonianze in lingua Osca e Greca. Bellissime le tombe, greche e lucane, in cui motivi decorativi delle due civiltà si fondono.

La più famosa è la tomba del tuffatore, risalente al V secolo a. C. E’ testimonianza delle nuove teorie sull’aldilà che si andavano diffondendo. I greci pensavano l’altro mondo come un posto oscuro e triste. Donne che si strappano i capelli, compianti, scene del funerale, decoravano le tombe greche, assieme a terribili mostri. Invece verso il V secolo, una serie di nuove dottrine legate all’orfismo, vedevano la morte solo come un passaggio, una liberazione dell’anima dal corpo. Cosi questo giovane si “tuffa” nel mondo dei morti con il sorriso sul volto. Attorno a lui, scene di banchetto e gioia, non di dolore.

Paestum, dalla città dei Romani all’abbandono

Quando i romani conquistarono Paistom, a loro volta rispettarono l’impianto greco, i templi e le antiche strutture. La città divenne un ricco centro con il nome latino di Paestum. La cinta muraria venne ricostruita ed ampliata: lunga 5 km, presenta 4 porte, 28 torrette e un’altezza di circa 7 metri. Nonostante i secoli, è ancora imponente!

I resti della città romana sono visitabili: ben distinguibile l’area del foro, l’anfiteatro, la  piscina, le varie abitazioni e le strade lastricate. Il culto cristiano è attestato in una basilica paleocristiana e probabilmente anche i templi furono convertiti al nuovo culto.

Questo centro cadde in rovina dopo le invasioni barbariche quando gli abitanti lasciarono le zone costiere per rifugiarsi nelle montagne, più facili da difendere. Nel ‘700, quando emerse l’interesse per l’archeologia e le antiche civiltà, tutti i colti studiosi dell’epoca si recarono a Pompei e Paestum per studiarne le strutture. Questi templi all’epoca erano creduti le strutture più antiche al di fuori dell’Egitto e divennero ben presto famosissime tappe del Grand Tour.

Di mare e mongolfiere al parco archeologico di Paestum

Nell’antichità, Paestum era molto più vicina al mare di quanto non lo sia ora ed il fiume che vi scorreva nei pressi la rese insalubre, contribuendo all’abbandono della città. Nel museo ti verrà spiegato tutto, alla riscoperta settecentesca, con le splendide rappresentazioni che ne fece Piranesi (ti ricordi della villa del priorato di Malta e del suo lavoro?).

La parte che mi è piaciuta di più? Di sicuro le metope dell’Heraion sul fiume Sele, con le fatiche di Ercole, brani della guerra di Troia e altre scene mitologiche. Le tombe sontuosamente decorate e i corredi funebri molto ricchi sono senz’altro interessanti, ma ho trovato un vaso assolutamente incredibile, rappresentante la nascita di Venere, che mi ha lasciata di stucco!

Tra le altre cose da fare, si possono osservare i templi da una mongolfiera: a causa del maltempo non ho potuto fare il giro, ma se vuoi provarlo trovi i contatti qui! Ad ottobre c’è persino il festival delle mongolfiere…

Se questo articolo ti è piaciuto lasciami un commento ?

Stai per andare a Lisbona e ti stai cercando informazioni su cosa vedere nella capitale del Portogallo?

In questo post ti racconto la mia esperienza e qualche trucchetto per visitare i musei di Lisbona più belli ed interessanti.

Prima di visitare i musei di Lisbona c’è una cosa che devi sapere!

Devo dire la verità: i musei di Lisbona mi hanno lasciato un po’ interdetta. La maggior parte molto sono piccoli e la visita risulta piuttosto breve. Nonostante questo, la qualità delle opere esposte è altissima e vi sono conservati splendidi capolavori.

Nella stessa giornata quindi riuscirete sicuramente a visitarne più di uno, ma quali sono i più interessanti? Te lo rivelo tra poco!

Visitare i musei di Lisbona partendo dal più grande

Partiamo dal più grande museo del Portogallo, il museo di arte antica, che si trova sulla strada per Bélem. Ha una bella pinacoteca che vanta capolavori di Durer, Raffaello e Bosch (le tentazioni di Sant’Antonio sono esposte proprio qui!).

La parte che mi è piaciuta di più tuttavia è quella delle arti decorative: vi sono porcellane cinesi, capolavori di oreficeria e mobili magnifici. Consigliato nonostante le scale per arrivarci!

I musei archeologici di Lisbona

A Lisbona ci sono diversi Musei Archeologici!

Vi ho già parlato del museo della chiesa do Carmo in un precedente post. Qui voglio nominarvi anche il bellissimo museo archeologico del castello e un secondo museo archeologico incentrato sui resti del teatro romano di Lisbona. Si chiama museu do teatro romano ed è stato aperto nel 2015.

Ma c’è anche un terzo museo archeologico a Lisbona! Il più grande dei tre sorge a Bélem, proprio accanto al monastero dos Jéronimos. Vi sono testimonianze della Lisbona romana e poi medievale molto interessanti!


Un museo unico al mondo: il museo degli azulejos

Splendido anche il museo degli azulejos, che prende il nome dalle tipiche ceramiche tradizionali del Portogallo. E’ ospitato all’interno di un convento del XVI, costruito in stile manuelino. Ripercorre l’evoluzione di quest’arte cosi particolare ed è per questo unico al mondo.

Vale la pena di spenderci un’oretta!

Due musei che non ho visitato ma che avrebbero meritato assolutamente di essere visti

Il museo che invece non ho fatto in tempo a visitare (sono arrivata all’orario di chiusura…) è il Calouste-Gulbenkian. All’interno ci sono capolavori della collezione di questo ricco amante dell’arte oltre ad una grande quantità di gioielli ed oggetti di Lalique.

Sarà per la prossima volta!

Tra i musei che più mi è dispiaciuto non vedere c’è quello di arte contemporanea, il museu Nacional de Arte Contemporãnea do Chiado, ospitato in un convento francescano del 13° secolo.

Due ottime ragioni per tornare a Lisbona!

Qualche dritta per visitare i musei di Lisbona

Se vuoi visitare i musei di Lisbona e risparmiare, ti consiglio la Lisboa Card, una carta che ti garantisce sconti ed entrata gratuita in moltissimi musei e monumenti della città (oltre che accesso gratuito ai trasporti pubblici!). La puoi acquistare on line o presso l’ufficio del turismo situato in centro, presso la praça do commercio.

Un altro consiglio che penso possa esserti utile: molti musei di Lisbona aprono alle 10 del mattino, ma a quell’ora non c’è mai nessuno. Se riesci, cerca di essere tra i primi visitatori della giornata, eviterai la calca e lo stress!

Infine, dovete sapere che si possono acquistare biglietti combinati per i musei di Lisbona, come per il convento dos Jéronimos, il museo archeologico e la torre Bélem. E’ sempre meglio acquistare biglietti combinati perché ti fanno sempre risparmiare, io cerco sempre le formule per più monumenti/musei dove possibile.

E voi? Siete già stati a Lisbona o state progettando di andarci?
Fatemi sapere nei commenti!



Pin It