Cosa vedere a Dusseldorf in un giorno: ecco la mia esperienza

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Stai facendo un tour della Germania e sei curioso di sapere cosa vedere a Dusseldorf in un giorno?

Forse non lo sapevi ma Dusseldorf è una di quelle città della Germania che ha perso la maggior parte dei suoi monumenti e della sua storia. La causa di questo disastro è avvenuta durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale. Ma i tedeschi, una volta toccato il fondo, hanno saputo rialzarsi con forza.

Quindi non c’è più nulla da vedere in questa città?

Sicuramente parte del suo patrimonio storico artistico è andato perso per sempre, ma ci sono ancora molte cose da vedere a Dusseldorf, e in questo post ti illustrerò brevemente cosa vedere in un giorno in base alla mia esperienza in questa città.

Grazie a questa breve guida di viaggio eviterai di perdere tempo girovagando senza meta, e potrai godere a pieno di tutto il tempo che deciderai di trascorrere in questa cittadina della Germania.

Ma prima ti consiglio di acquistare la Dusseldorf Card.

A cosa serve?

Al solo costo di soli 10€ potrai viaggiare gratis per un giorno con tutti i mezzi pubblici ed avere accesso gratuito alle 50 migliori attrazioni tra cui musei.

Un bel risparmio, non credi?

La cosa migliore è che puoi acquistarla direttamente online a questo link, in modo davvero semplicissimo.

Ma ora basta con i preamboli.

Scommetto che non vedi l’ora di scoprire cosa c’è da vedere a Dusseldorf, non è vero?

Si parte!

Cosa fare a Dusseldorf

Fernsehturm: la torre di Dusseldorf

La prima cosa da vedere a Dusseldorf non appena arrivati, è la Fernsehturm, la torre della televisione. No, non è un’attrazione come può esserlo la Torre Eiffel di Parigi ma è il punto più alto da cui potrai ammirare il paesaggio sulla città.

Dalla sua cima avrai una bellissima vista sulla “Famiglia” di Frank Gehry, di cui ti parlerò tra poco, e sul centro storico della città, o almeno quello che ne rimane.

Vuoi sapere quanto è alta la Torre di Dusseldorf?

Bene, dalla base fino alla punta dell’antenna sono circa 200 metri. La zona visitabile invece si trova qualche metro più in basso e il paesaggio che puoi osservare dalle sue immense vetrate è davvero molto bello.

Il prezzo del biglietto per salire sulla torre di Dusseldorf è di 4€ ma vale davvero la pena e ti metterà anche un po’ i brividi. Le pareti della torre infatti non solo sono in vetro, ma sono anche inclinate e ti daranno il senso di cadere nel vuoto

Se non hai paura dell’altitudine e vuoi farti una foto “sdraiato” sulle finestre in vetro della torre della televisione, questa è assolutamente una delle cose da fare a Dusseldorf in un giorno.

Se invece soffri di vertigini potrai goderti il panorama a debita distanza.

Io ho avuto il coraggio, e tu lo avrai?

La cima della torre della televisione di Dusseldorf vista dal basso

La “famiglia” di Frank Gehry

Come ti ho detto, Dusseldorf ha perso gran parte del suo patrimonio artistico a causa della Seconda Guerra Mondiale, ma questo non vuol dire che non avrai nulla da vedere.

Sei curiorioso?

Bene, io ho trovato molto belli ed impressionanti i numerosi capolavori di architettura contemporanea di Dusseldorf, che troverai proprio al di sotto della torre televisiva.

Le più caratteristiche sono sicuramente le strutture progettate da Frank Gehry. Questo famoso architetto ha infatti realizzato tre complessi in forme e materiali differenti, con il proposito di rappresentare la famiglia.

Ma come fanno 3 palazzi a rappresentare la famiglia?

Devi sapere che gli edifici realizzati a Dusseldorf da Frank Gehry hanno tutti un profondo significato simbolico.

Ecco una brevissima spiegazione!

La struttura che si trova nel mezzo rappresenta il figlio. L’edificio è ricoperto da materiali riflettenti che non solo spandono una luce argentata tutto intorno ma riflettono i due edifici immediatamente adiacenti. Questa scelta artistica simboleggia la capacità del bambino di apprendere e riprodurre gli insegnamenti dei genitori.

Accanto a lui si trova “il padre” dai caratteri scuri e spigolosi e “la madre” di colore bianco e dai lineamenti sinuosi.

Sono davvero molto particolari e ti consiglio assolutamente di fare una passeggiata per vederli da vicino!

Frank Gehry a dusseldorf edificio che simboleggia la madre, realizzato con linee morbide e colore chiaro.
Frank Gehry a dusseldorf edificio che simboleggia il bambino con specchi riflettenti

Frank Gehry a dusseldorf edificio che simboleggia il padri, rappresentato con forme spigolose e colore scuro

I Flossis di Rosalie a Dusseldorf

Su alcuni edifici di Dusseldorf potrai non notare delle figure elastiche dalla forma umana. Sono i così detti Flossis di Dusseldorf, realizzate dall’artista Rosalie, pseudonimo di Gudrun Müller.

Devi sapere che queste “creature” hanno letteralmente invaso le facciate di alcuni palazzi della città di Düsseldorf in Germania.

A esempio?

Quello su cui puoi osservarli più facilmente è il “The Roggendorf House, un edificio che si trova proprio a pochi passi dalle bellissime architetture di Frank Gehry, di fronte alle rive del Reno.

Non puoi non notarli!

Ma come fanno a non rovinarsi con le intemperie?

Facile, i Flossis di Rosalie a Dusseldorf sono realizzati con delle resine particolari capaci di resistere anche alle basse temperature.

Si a Dusseldorf l’inverno fa freddo! 

Io l’ho trovata un’idea fantastica ed è uno splendido esempio di riutilizzo di strutture esistenti per creare qualcosa di nuovo.

Sono sicura che piaceranno anche a te.

Flossis di Rosalie a Dusseldorf

Il centro storico di Dusseldorf

Nonostante i bombardamenti subiti durante la seconda guerra mondiale, una piccola porzione del centro storico di Dusseldorf si è salvato: si tratta dell’Altstadt, la città vecchia.

Perché andarci?

Perché questo è proprio il posto ideale per mangiare un boccone: potrai trovare moltissimi ristoranti, pub e locali di ogni tipo. Inoltre qui è conservato uno dei pochi edifici storici della città: la Rathaus (il municipio), costruita nel 1573 nella Marktplatz.

Insomma se vuoi fare una pausa dopo aver scalato la torre della televisione e visitato le architetture contemporanee della città, te lo consiglio caldamente. Ah, se ti piacciono i tour guidati ti consiglio di dare un’occhiata a questo tour di Dusseldorf della durata di circa 1 ora e mezza.

Ecco alcune cose da provare!

Io ho assaggiato la tipica birra di Dusseldorf, la Alt, in un pub molto carino chiamato “Kneipe”, dove Marcel e Nils ci hanno fatto provare lo “stress”, uno short drink senza alcool ma talmente piccante che le nostre bocche erano in fiamme!

Non so quali siano gli ingredienti ma sicuramente ha funzionato: ti fa dimenticare ogni problema perché ci si può solo concentrare su quel sapore… orribile!

Hai mai assaggiato nulla del genere?

Visuale dalla Torre della televisione

Informazioni pratiche per visitare Dusseldorf

Ti stai chiedendo come raggiungere Dusseldorf?

É molto facile!

Dusseldorf si può raggiungere in aereo o in treno e la stazione principale della città si trova poco distante dalla torre della televisione. 

Io ho preferito il treno perché mi trovavo già in Germania e ho trovato molto comodo il fatto di arrivare direttamente nei pressi del centro.

Una piccola accortezza!

D’inverno è una città abbastanza fredda, quindi la stagione migliore per visitare Dusseldorf è la primavera/estate.

Ci sono molte altre attrazioni da visitare, come il castello Benrath, vari musei tra cui il Kunstpalast e il NRW Forum (il foro della regione North Rhein Westfalia) ma non le ho ancora visitate… la prossima volta che andrò a Dusseldorf saprò dirti di più!

Visuale dalla Torre della televisione

La Dusseldorf Card

Come un molte altre città europee, anche a Dusseldorf hai la possibilità di acquistare la carta della città. Questa carta ti darà diritto a numerosi sconti e agevolazioni in musei o attrazioni che fanno parte dell’iniziativa.

In quale caso ti conviene acquistare questa carta?

Se sei a Dusseldorf solo di passaggio e hai intenzione di fare una passeggiata ti sconsiglio di acquistare la Dusseldorf Card.

Se invece stai pianificando di trascorrere un’intera giornata a Dusseldorf, questo pass turistico fa proprio al caso tuo perché avrai accesso illimitato ai trami e agli autobus cittadini oltre che alle linee RE, RB e dei treni S-Bahn senza nessun supplemento per la zona A di Düsseldorf.

Ma non è finita!

Se sei amante dell’arte come me, la Dusseldorf card ti darà diritto a sconti e ingressi gratuiti in molte mostre e musei. Insomma un bel risparmio.

Il costo della Dusseldorf card è di soli 10€ e puoi comodamente acquistarla qui!

Visuale dalla Torre della televisione

Il Tour in Bus Turistico

Quando hai poco tempo per visitare una città, uno dei modi più veloci per toccare tutte le zone più interessanti e risparmiare tempo prezioso, è fare un tour con il bus turistico.

Si tratta degli ormai famosi bus Hop-on Hop-off, e ne troverai uno anche a Dusseldorf che puoi prenotare direttamente qui.

Questo bus ti darà la possibilità di fare un tour di circa 90 minuti all’interno del centro città, mentre l’audio guida ti racconterà tutti i luoghi di interesse e la loro storia.

In alternativa, il bus si ferma in 7 fermate prestabilite, dove potrai scendere e proseguire a piedi.

Perché prenderlo?

Personalmente non amo molto questo genere di turismo mordi e fuggi, ma questi bus sono utili anche per riposarsi un po’ dopo aver camminato per tutto il giorno e per avere una visuale della città da un punto di vista differente.

Ah, se hai fame, ti consiglio di fermarti a Carlsplatz dove si trova l’ex mercato degli agricoltori… un paradiso per veri intenditori!

Flossis di Dusseldorf vicino al Reno

Commenti su Dusseldorf?

Hai intenzione di visitare Dusseldorf? Lo hai già fatto e vuoi raccontarmi le cose che ti sono piaciute di più?

Scrivi pure nei commenti qui sotto se questo post ti è piaciuto o se vuoi che approfondisca alcuni aspetti.

Ti risponderò al più presto!

Elisa

Elisa

Ciao, io sono Elisa! Sono una storica dell’arte e travel blogger. Ho uno spirito nomade e adoro viaggiare per scoprire posti nuovi, scrivere e vivere nuove esperienze! Dal 2012 ho creato arttrip.it per condividere le mie esperienze di viaggio con tutti voi. Foto scattate con Panasonic GH5

Lascia un commento